Si torna a parlare dei motivi che hanno portato al divorzio tra Brad Pitt e Angelina Jolie, e sembra che tra i Brangelina ci fosse ormai aria di crisi da un bel po’ di tempo. Secondo le ultime indiscrezioni, il fratello dell’attrice, James Haven, avrebbe giocato un ruolo importante nella fine della love story più famosa di Hollywood.

I nuovi dettagli sono stati rivelati dal regista Ian Halperin, che sta realizzando un documentario proprio sui Brangelina, Broken: The Incredible Story of Brangelina, che uscirà entro la fine del 2017. “James era così vicino a Brad e Angelina che viveva da loro”, ha affermato il giornalista d’inchiesta a Radar Online. “Questo ha mandato fuori di testa Brad, tanto da dare un ultimatum a Angie: o lui o me!”.

James Haven e Angelina Jolie hanno un passato controverso: nel 2000, i due fratelli scioccarono Hollywood quando si baciarono appassionatamente sul red carpet. Sebbene Halperin non pensi che ci sia mai stato un incesto tra i due, ha ammesso che baciarsi in quel modo fu esagerato. Non è chiaro se dopo il divorzio Angelina Jolie si sia rivolta al fratello per gestire i sei figli, ma sembra che in precedenza la presenza di James avesse infastidito Brad Pitt.

“La presenza di James così vicina ha reso Brad veramente non a suo agio. Lui voleva essere ‘le braccia di papà Brad’, ma la faniglia non aveva bisogno di una tata perché ne avevano già tante”, ha spiegato Ian Halperin. A oggi, Angelina Jolie e James sono più vicini che mai, e lavorano insieme nel migliore interesse dei bambini”. Tuttavia, secondo Yahoo, adesso l’attrice avrebbe dispensato il fratello dal lavoro di tata e domestico.

“Lei era preoccupata dal suo aspetto esausto e ha realizzato che il fratello aveva bisogno di una pausa”, ha rivelato una fonte. Brad sta tornando nelle vite dei bambini, quindi le cose si sono calmate. Lei è grata a James per la sua presenza, ma sa che non può sempre contare su di lui”.

Sembra che adesso Brad Pitt possa vedere liberamente i sei figli e che sarà presente alla festa di compleanno di Shiloh, che il 27 maggio compirà 11 anni. La bambina, infatti, vuole che il padre sia presente al suo compleanno, anche se questo significa che i genitori dovranno condividere la stessa stanza.