Breaking Dawn Parte 2 non è solo il capitolo finale della saga milionaria con Kristen Stewart, ma anche il film in cui approfondiamo la conoscenza della piccola Renesmee: intervistato da Hitfix, Taylor Lautner ha parlato dell’esperienza sul set e del rapporto tra Jacob e la bambina, a dir poco intenso.

Galleria di immagini: Breaking Dawn Parte 2, foto red carpet

Jacob e Renesmee sono infatti legati dall’imprinting che in Breaking Dawn Parte I avviene poco dopo la nascita della bambina e che crea tra i due un legame improntato a sentimenti di protezione quasi fraterni del licantropo; ma Jacob sarà anche il suo promesso sposo, e ciò aggiunge un pizzico di ambiguità a questo rapporto d’amore per come si sviluppa in Breaking Dawn Parte 2. Nell’intervista Taylor Lautner non parla del personaggio di Kristen Stewart né fa parola dei dettagli più conturbanti di questa scelta narrativa e preferisce parlare dell’importanza sentimentale della scena dell’imprinting nella storia.

Lautner rivela inoltre che è stata una scena particolarmente difficile da girare ma anche molto toccante, sottolineando che la presenza sul set di Stephanie Meyer con i suoi consigli è stata determinante, ribadendo anche la fedeltà della storia cinematografica al romanzo in quel particolare frangente.

Inevitabile l’elogio della piccola Mackenzie Foy, la più giovane in un cast di attori comunque giovanissimi, che, nelle parole di Lautner, ha portato nuova energia al set.

Invitato dal giornalista, l’attore si sofferma anche sul suo coinvolgimento emotivo durante le riprese contrapponendolo al distacco dichiarato da Robert Pattinson nel girare le scene, per quanto commoventi o emozionanti. L’attore parla infine dell’arricchimento personale ricevuto dall’aver lavorato con tanti registi diversi che si sono avvicendati nei vari film della saga, apportando ognuno elementi personali e innovativi per Twilight.

Dopo l’anteprima al Festival di Roma, l’attesa è finita e Breaking Dawn Parte 2 può finalmente prorompere nei nostri cinema: chissà se i cattolici diranno la loro anche sull’ambiguo evolversi dell’imprinting genitoriale in amore romantico.

Fonte: Opposing Views, Hitfix