Della coppia di Hollywood di freschi sposi, Brian Austin Green e Megan Fox, di solito è lei a parlare con la stampa. Stavolta è il marito ad affermare il loro amore. A quanto rivelato, in 6 anni non si sono mai davvero lasciati, Megan è una madre perfetta e un giorno Brian spera di raggiungere la fama della compagna.

Ci eravamo ormai abituati a sentire Megan Fox parlare della sua vita privata, tra una bugia e l’altra. E invece adesso tocca a Brian Austin Green in una lunga intervista su Details.

37 anni, un divorzio, un figlio di 8 anni e una carriera poco apprezzabile alle spalle, di cui l’esperienza più nota è quella di David Silver in “Beverly Hills 90210”, telefilm cult degli anni ’90 da cui è nato l’odierno spin-off 90210.

Brian afferma:

Stavo giusto parlando con un ragazzo che diceva: “A me piaceva molto Beverly Hills 90210. Ma il nuovo non è un gran che”. È la mia risposta è stata: “Certo che no”.

Mentre per quanto riguarda Megan Fox, Brian racconta come la moglie sia un’ottima matrigna:

Ama molto mio figlio Kassius. E dal momento in cui abbiamo cominciato a frequentarci, lei aveva appena 18 anni, ha preso il controllo della situazione. Incredibile. A 18 anni io ero più il tipo da “Ehi quale pub è aperto stasera? Quanto sono fighi i miei pantaloni?”

E va avanti nella sviolinata dicendo come sia stata lei a farlo uscire dalla sua paura della stampa e del giudizio altrui, sviluppata dalla fine del telefilm, quando temeva che tutti lo riconoscessero come:

Quello sfigato di “Beverly Hills 90210” che ha tirato fuori un album hip-hop.

E mentre assicura che la loro non è mai stata una relazione a yo-yo perché non hanno mai frequentato nessun altro nei momenti di “pausa”, e che dirle “lo voglio” è stato il perfetto inizio di una meravigliosa vita insieme, aggiunge di non sentirsi minacciato dal successo di lei:

Non mi interessa. Durante “Beverly Hills 90210” odiavo essere famoso. Non sono un tipo estroverso. Ho 37 anni. Una moglie bellissima. Un figlio di 8 anni meraviglioso. Amo recitare, ma è giusto il mio lavoro. E poi, l’anno prossimo potrei uscire con un film strepitoso e le cose potrebbero cambiare completamente.

Chissà perché risulta difficile crederlo.