Alcuni dei pasticci che Britney ha combinato durante il suo duro crollo psicologico, di circa ventiquattro mesi fa (quello in cui si è rasata i capelli, ha girovagato senza meta, e si è comprata cani a go-go…), la inseguono fino al giorno d’oggi per essere risolti.

Recentissima la notifica arrivata come verdetto finale di una denuncia contro BritBrit, la cui conclusione prevede che la cantante, giudicata colpevole dell’accaduto, paghi ricchi soldoni alla vittima.

L’accaduto? Nell’ottobre del 2007, periodo in cui la cantante aveva anche perso la custodia dei suoi due figli, Britney Spears al volante era passata con le ruote sopra al piede di un paparazzo che tentava di fotografarla a Beverly Hills.

Il fotografo in questione, Ricardo Mendoza, ha denunciato per l’accaduto la principessa del pop lo scorso maggio con le accuse di assalto, percossa e guida negligente.

Quello che non sembra coerente è il fatto che il paparazzo si sia rivolto alla corte di Los Ageles per muovere azione contro Britney solo quattro mesi fa, che non abbia voluto rivelare la cifra richiesta come danno e che nel corso dei mesi passati abbia venduto all’asta il calzino con l’impronta della ruota della macchina di Britney, che Mendoza indossava il famigerato giorno dell’incidente.

La causa si è chiusa con un compromesso, ciò è quanto dichiara la corte di Los Angeles che però non ha voluto divulgare in quali termini, seppure la Corte stessa abbia emanato una nota ufficiale per spiegare l’esito della faccenda. Sarà stato nell’intento del paparazzo quello di prendere più soldi possibili alla cara BritBrit?