Il regista di “Il mio piede sinistro” Jim Sherindan, torna alla regia dopo ben quattro anni di assenza. Con il nuovo film, “Brothers“, prosegue nel suo impegno politico e sociale, dirigendo in maniera egregia un cast davvero ben assortito.

In questa sua ultima pellicola Sheridan ci racconta una storia in cui vincoli di sangue e relazioni d’amore s’incrociano: il capitano Sam Cahill (Tobey Maguire) vieno dato per morto durante il conflitto in Afghanistan, così il fratello Tommy (Jake Gyllenhaal) finisce per sostituirlo in tutto e per tutto intraprendendo una relazione con la moglie di Sam, Grace (Natalie Portman).

Così Tommy, da sempre considerato la pecora nera della famiglia, mette la testa a posto occupandosi della casa e dei figli del capitano scomparso. Nascono nuovi equilibri e cambiano le dinamiche all’interno del gruppo, fino a quando, improvvisamente, Sam ritorna a casa rimettendo tutto in discussione.

La storia sembra suggerire allo spettatore una questione fondamentale: la guerra priva le famiglie dei loro cari due volte, quando li chiama a sé e quando li restituisce. Il film è il rifacimento di una pellicola di soli 5 anni fa della regista danese Susanne Bier “Non desiderare la donna d’altri”, e sarà nelle sale dal 23 dicembre.