Quante volte abbiamo sentito dire: “vorrei accelerare il metabolismo, ho il metabolismo lento, devo bruciare i grassi”…? Innumerevoli! Facciamo chiarezza, per comprendere cosa sia possibile e giusto fare, nel tentativo di migliorare la nostra salute e il nostro aspetto fisico e cosa invece sia pura utopia.

I grassi o lipidi, insieme ai carboidrati, rappresentano la maggior fonte di energia del nostro organismo. Ogni grammo di grassi apporta infatti 9 calorie contro le 4 fornite da un grammo di carboidrati, e le scorte di grassi del nostro organismo sono praticamente infinite (ogni kg di tessuto adiposo ha un potere calorico di circa 7800 calorie). Le cellule del nostro organismo utilizzano i grassi per numerose altre funzioni: per regolare il metabolismo cellulare, per il trasporto delle vitamine liposolubili, per l’isolamento termico e per la sintesi di ormoni.

Si sente spesso parlare di integratori “brucia grassi”, ma… anche assumendo integratori “brucia grassi” non è possibile forzare più di tanto i meccanismi biologici. In altri termini non esistono sostanze che possono accelerare significativamente il consumo di grassi. è dunque corretto parlare di integratori che favoriscono il metabolismo dei grassi e il conseguente controllo del peso, non di integratori “brucia grasso”.

Certo, come slogan è sicuramente meno accattivante, ma dobbiamo smettere di credere ai miracoli. La funzione lipolitica di questi integratori è dovuta alla presenza di sostanze con attività termo genica, in grado di accelerare il metabolismo: questi integratori contengono caffeina o sostanze con analoga attività, spesso mescolate tra loro, tè verde, erba mate, cola, sinefrina, guaranà. Attraverso la somministrazione di queste sostanze si innesca nell’organismo una risposta ormonale mediata dalle catecolamine che favorisce l’aumento del metabolismo corporeo, della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa e del numero di atti respiratori (aumentando così l’ossigenazione del sangue).

Aumentando la spesa energetica dell’organismo si andranno indirettamente a bruciare i grassi favorendo la perdita del tessuto adiposo in eccesso. L’effetto sul metabolismo dipende poi dalla quantità di sostanze presenti; spesso capita che ne venga citata la presenza, ma che i quantitativi siano irrilevanti e dunque poco significativi al fine della accelerazione del metabolismo. Attenzione, ancora una volta, la pubblicità gioca sulla non-conoscenza delle persone.

Per gentile concessione di Antiaging Club, sito nato in collaborazione con AMIA (Associazione Medici Italiani Antiaging) per sensibilizzare gli utenti sulle tematiche dell’Antiaging, inteso come prevenzione di malattie dovute all’invecchiamento e preservazione di salute e bellezza.