Dopo essere stata spodestata per poco tempo dalla SSC Ultimate Aero TT, Bugatti si riprende lo scettro di “auto di serie più veloce del mondo” grazie ad una rielaborazione della Veyron, presentata a Ginevra in questi giorni: la Bugatti Veyron Centenaire.

Nata per celebrare il centenario dalla nascita della casa italo francese, fondata a Molsheim, in Alsazia, nel 1909 da Ettore Bugatti e nel frattempo diventata franco tedesca, quest’auto si basa su un W16 quadriturbo con l’impressionante cilindrata di 8.000 cc, e la straordinaria potenza di 1350 cavalli.

Le modifiche però non sono solo sotto il cofano, c’è stata una forte riduzione del peso della vettura, ridotto di 150kg rispetto alla versione “normale” grazie alla sostituzione delle parti in alluminio con elementi in fibra di carbonio, più leggeri ma allo stesso tempo più resistenti.

Il risultato? Semplice, questo bolide è accreditato ora di una velocità massima di 440km/h, decisamente troppi anche per i lunghi rettilinei delle autostrade tedesche o per i piedi inesperti dei piloti occasionali.

Esteticamente si tratta di un’auto unica, dal design estremamente curato e rifinita in ogni dettaglio, che non potrebbe mai passare inosservata.