Una birra che aumenta il seno di almeno due taglie. Sembra essere questa la notizia che da diversi giorni tiene la Bulgaria al centro dell’attenzione europea.

Inizialmente, infatti, la miracolosa bevanda bulgara a base di luppolo, farina e lievito di frumento era stata sperimentata per fornire un aiuto concreto alle mamme con problemi di allattamento ma, successivamente, le testimonianze di centinaia di donne hanno incredibilmente accentuato la notorietà di quella che, fino ad allora, era stata una semplice, naturale e buona birra bulgara.

La nuova birra brevettata a Sofia si chiama “Bohza” e promette alle donne un seno più grande, aumentato di almeno due misure senza l’aiuto dei costosi e, spesso, rischiosi interventi estetici.

A questo proposito, Kristian Gyoshev, che rappresenta l’azienda produttrice della birra, ha dichiarato:

Centinaia di donne dopo aver provato la nostra birra assicurano che il loro seno è cresciuto di due misure. È naturale, salutare, buona, e molto più economica di un intervento chirurgico.

Lo scenario che ci si prospetta davanti allora, in Bulgaria ma presto in tutta Europa, è a dir poco fantascientifico: centinaia di donne che entrano nei pub e nelle birrerie, come si trattasse di centri di bellezza, e ne escono trasformate. Maggiorate, per utilizzare il termine più adatto.

Non ci resta che attendere gli sviluppi della vicenda, per capire se la miracolosa birra verrà commercializzata in Europa e, perché no, in tutto il mondo.

In caso contrario, non è affatto difficile prevedere orde di turiste provenienti da ogni parte del pianeta per prendere d’assalto pub e negozi bulgari allo scopo di beneficiare di un tale trattamento naturale di bellezza.

La birra, infatti, potrebbe fare felici mariti e fidanzati ma, soprattutto, aumentare l’autostima di molte donne senza ricorrere ai tradizionali metodi chirurgici, invasivi e per nulla economici.