Il cadavere di una donna è stato ritrovato nel bosco della residenza reale di Sandringham, nella contea di Norfolk, dove la regina Elisabetta II sta trascorrendo le vacanze natalizie. Ritrovato dal cane di un passante subito dopo le ore 17, 16 nel Regno Unito, dello scorso primo di gennaio, il corpo apparterrebbe a una donna non ancora identificata; guidata dall’ispettore Jes Fry, la polizia sta attualmente indagando per venire a capo di quello che è già stato classificato come {#omicidio}.

Galleria di immagini: Indagini a Sandringham

Il bosco di Anmer, un piccolo villaggio abitato da poco più di 60 persone, dista a 4,8 chilometri dalla residenza reale di Sandringham House: 8.000 ettari annoverati tra le proprietà della corona dal 1862, in parte aperti al pubblico; è proprio in quell’area che si stanno svolgendo i rilievi del caso, una zona poco frequentata e attualmente isolata dalle forze dell’ordine per evitare ulteriori contaminazioni dove domenica scorsa la Regina e il principe Filippo erano passati poco prima del ritrovamento.

Sull’esito delle indagini, Fry si è mostrato piuttosto titubante. A rendere ancora più difficile l’operato della polizia locale ci sarebbe anche l’aggravante del tempo, poiché l’omicidio stesso non sarebbe avvenuto nelle ore precedenti al ritrovamento ma diverso tempo prima, motivo per cui ha preferito non sbilanciarsi più del necessario ai microfoni della stampa:

«L’indagine è appena iniziata e potrebbe essere piuttosto complessa. Il corpo era rimasto lì per qualche tempo».

Fonte: Corriere.it