Essere l’uomo più potente del mondo hai suoi pro e i suoi contro, primo fra tutti la sicurezza, essendo costantemente esposto al rischio di attentati di varia natura. Il neoeletto Obama inoltre, è anche un grande patito di tecnologia e fin dai primi giorni ha cercato di trasmettere questa sua passione all’intero staff, rinnovando buona parte della “dotazione presidenziale”.

È arrivata così la nuova Presidential Limousine, vera e propria fortezza su ruote dotata dei più sofisticati sistemi di sicurezza. Prodotta dalla Cadillac, da quasi un secolo fornitrice ufficiale di autovetture presidenziali, racchiude in sé elementi presi da diversi modelli della celebre casa automobilistica “stelle e strisce”.

La blindatura di vetri e lamiere (la carrozzeria è spessa in media 15 centimetri) è pensata per resistere senza danni a colpi di arma da fuoco ed esplosioni di piccola e media intensità, mentre le gomme “piene” sono a prova di foratura. Tutto questo ovviamente aumenta notevolmente il peso dell’auto che, nonostante i 6500 cc di cilindrata, impiega circa 15 secondi per raggiugere i 100 km/h.

Se all’esterno la “Cadillac One“, come è stata ribattezzata, mostra i muscoli, è all’interno che realmente stupisce. GPS militari, connessioni sicure per voce e dati, collegamento costante con Casa Bianca e Pentagono. Sono previsti inoltre kit per i più svariati tipi di emergenza: dai numerosi vani per le armi, ad un sofisticato sistema di aerazione in grado di scongiurare attacchi con agenti chimici, ad un vero e proprio centro trasfusioni.

C’è solo una pecca, non è in vendita al pubblico.