Per difendersi dal caldo, gli italiani hanno aumentato notevolmente il consumo e l’acquisto di frutta dalla seconda metà di giugno: è quanto stima Coldiretti con l’arrivo di Caronte, la straordinaria ondata di calura estiva.

Nei carrelli della spesa è presente, dunque, una quantità maggiore del 25 per cento di frutta, con almeno 20 milioni di italiani che la stanno consumando sia a pranzo che a cena e che l’acquistano sia nelle bancarelle dei mercati che nei negozi, supermercati e chioschi. Questo aumento di acquisti s’è registrato praticamente un po’ ovunque, secondo le stime di Coldiretti.

Consumare frutta e verdura è la miglior difesa nei confronti del caldo estivo, dell’eccessiva sudorazione e aiuta a ridurre i possibili colpi di calore. Questo per via del fatto che sono prodotti naturali, ricchi di acqua, rinfrescanti e ricchi di vitamine e sali minerali, di conseguenza indispensabili nell’alimentazione quotidiana.

Precisa Coldiretti infine che «proprio in questo periodo che maggiore è la varietà dell’offerta nazionale e più conveniente è il rapporto prezzo e qualità, sia per tutte le verdure che per la frutta, dalle pesche alle albicocche, dai meloni alle ciliegie fino ai cocomeri e alle fragole».

Quando si fa la spesa, si deve ricordare di controllare sempre l’etichetta di provenienza di un frutto o di una verdura, preferire le produzioni e le varietà locali, privilegiare gli acquisti diretti dagli agricoltori, fare attenzione che la frutta abbia il giusto grado di maturazione e assicurarsi che il prodotto scelto sia assolutamente fresco. Le verdure, invece, è meglio consumarle crude, dato che con la cottura si perde parte di acqua, vitamine e sali minerali.