La dieta giusta può aiutare a sollevare le sofferenze del caldo estivo. L’ultima ondata di afa, caratterizzata da vertiginosi tassi di umidità, non accenna a spegnersi neppure di notte.

L’insonnia da caldo, così, diviene la compagna estiva di molte persone, anche di quelle che solitamente dormono bene e profondamente. La dieta può essere uno dei rimedi più opportuni per stare bene fisicamente anche nelle ore notturne e per riposare in maniera adeguata.

Tra i primi strumenti con cui si cerca di combattere il caldo, figurano il condizionatore e il ventilatore; tuttavia, d’estate, occorre ricercare refrigerio e benessere a partire dall’interno del nostro corpo e, quindi, a partire da una corretta alimentazione. Se si è mangiato in maniera esagerata, rimarrà l’arsura e la sete aumenterà, e a quel punto il condizionatore potrà fare ben poco.

Qualora non si abbia il climatizzatore, è innanzitutto opportuno arieggiare più che si può la stanza in cui si dorme. Spalancare le finestre e lasciare sul materasso solo cuscino e lenzuolo aiuterà a rinfrescare il letto. Prima di andare a dormire, occorre lavarsi e cercare di sciacquare con acqua fredda in punti nevralgici – i polsi, piedi e caviglie, il collo, l’interno del gomito.

Tenere sempre accanto a sé, sul comodino, una bottiglia d’acqua. Bere molto durante la giornata aiuterà a eliminare le tossine e gli eccessi della dieta, oltre a permettere di reintegrare i liquidi persi sudando. Con temperature altissime, è sempre bene idratarsi a dovere.

Il pasto che occorre regolare è principalmente la cena. Per sopravvivere a notti di caldo infernale, non bisogna consumare cibi salati o piccanti e alcolici. Durante le cene estive, in pieno clima festivo, si tende a esagerare, mangiando primo, secondo, contorno, dolce, bevendo vino o il superalcolico a fine pasto. Ma i cibi che eccitano troppo il sistema nervoso sono i meno adatti alla calura estiva.

L’alcool è un vasodilatatore e induce a sudare, mentre il sale aumenta la pressione, vere e proprie torture per le notti estive. Allo stesso modo, occorre evitare a cena dolci, specie se al cioccolato e il caffè.

Il gelato mette arsura: l’alto contenuto di zuccheri conduce a un innalzamento della glicemia con la conseguenza che la sete aumenta. Tutto ciò che contiene caffeina andrebbe evitato, quindi non solo caffè, ma anche tè e bevande gassate che potrebbero contenerla tra gli ingredienti.

Gli alimenti che dovrebbero essere consumati con regolarità in estate sono, ovviamente, frutta e verdura fresche. A questi bisogna aggiungere cereali in generale, riso e orzo in particolare, pasta e pane. Oltre alla verdura fresca, occorre mangiare legumi, formaggi freschi, yogurt, carne e uova. Tra le bevande rinfrescanti e disintossicanti vi sono, inoltre, latte di riso e soia. Di fondamentale importanza sono radicchio, aglio e cipolla che contengono serotonina e, quindi, favoriscono il rilassamento e il sonno.

Potrebbe sembrare l’ultima delle possibilità a causa del caldo, ma bere una tisana prima di andare a dormire – purché priva di foglie di tè e dolcificata con miele – aiuterà a digerire, a rilassare e a passare una notte più tranquilla.