Nella selva dei calendari per l’arrivo dell’anno nuovo, dove l’alternarsi di sportivi, divi e cantanti è serrato, una piccola fetta di mercato è dedicata ai calendari per gli amanti degli animali.

Messi da parte quelli famosi e quelli più scontati e patinati, con cani e gatti di razza infiocchettati e immortalati in pose glamour, gli animalisti doc si rivolgono al mondo delle associazioni e dei gruppi no profit.

Sono tantissimi i canili, i responsabili di rifugi e i gruppi di volontari che, di anno in anno, realizzano e promuovono calendari dove i protagonisti sono cani e gatti in cerca amorevole di una casa. Lo scopo è del tutto lodevole e le spese, sostenute per l’acquisto del calendario, servono per comprare cibo, coperte e cucce per gli animali più bisognosi.

Proprio in questo periodo dell’anno si segnala l’aumento delle vendite in negozio di cani e gatti, per questo l’Aidaa (Associazione italiana a difesa di animali e ambiente) ha lanciato un appello per dissuadere gli italiani dall’acquisto di animali incentivando, invece, le adozioni in canile, rifugi o in gattile.

Gli animali comprati in negozio solitamente provengono illegalmente dall’est, sottratti anzitempo alle madri, sono cuccioli delicati e fragili. Se non muoiono subito diventano pesi ingestibili per gli inesperti e incapaci. Tra l’altro, finite le festività, vengono malamente scaricati in strada come spazzatura, nonostante la recente normativa preveda sia una multa che l’arresto.

Acquistare un calendario di questo tipo possiede quindi un significato importante, magari potrà invogliare amici e parenti a far visita a un canile di zona per un’adozione del cuore.

Tra le associazioni e i gruppi più bisognosi vi presentiamo i calendari di:

Plf (Pelosi Liberation Front);

Seconda zampa dell’Associazione Canili Lazio;

il Canedario del gruppo Gli Angeli di Pasquale;

la Lega Nazionale per la difesa del cane;

il calendario del rifugio della Leal, sempre molto attiva anche contro la vivisezione;

le Sfigatte;

Pal;

Amici degli animali;

la Lida di Olbia infine l’associazione Cani di Nessuno che organizza una lotteria di Natale.

Inoltre vi segnaliamo anche l’associazione Save The Dogs che strappa, letteralmente, i cani abbandonati dalle strade della Romania dove l’uccisione dei randagi è routine e Il Movimento Animalista di Aversa che contrasta l’alto tasso di abbandoni e randagismo nel sud Italia, sterilizzando e vaccinando i cani e favorendo le adozioni; il Centro Valleverde, un rifugio-pensione per cani maltrattati che vengono amorevolmente rieducati in funzione di una nuova famiglia, Gli amici degli animali che sprona l’adozione di cani anziani, l’associazione no profit La Cagnara e il Progetto Quasi che salva animali disabili e speciali.

Acquistare un calendario a tema, adottare un cane o svolgere volontariato in un canile, non solo per Natale, sarà sempre un gesto utile per gli animali e principalmente per voi stessi.