I calendari sono spesso criticati per l’eccessiva esposizione dei corpi che riempiono le pagine dei 12 mesi. Ogni volta che una nuova rappresentazione dell’anno sale alla ribalta, subito tornano in auge gli ormai stantii commenti sull’uomo o la donna considerati solo come oggetti o icone sessuali. Questa volta, però, i belli di Men In The Alps si sono spogliati per una buona causa.

Galleria di immagini: calendario Men in The Alps

Così la versione 2011 del noto calendario che pone sullo sfondo suggestivo delle Alpi uomini nudi in varie posizioni, quest’anno dedicato a erotismo e arte culinaria, non è solo un mero strumento lucrativo bensì un’iniziativa benefica.

Nata da un più ampio progetto di carità, l’idea è quella di finanziare istituzioni di sparse in tutto il monto, che spesso aiutano persone malate, portatrici di handicap o appartenenti alle categorie sociali marginalizzate.

Un lodevole progetto, quindi, che nella fattispecie consentirà di donare dei fondi a due importanti organizzazioni. La prima è la Associazione ProPositiv Südtiroler AIDS HILFE, per il supporto e la lotta nei confronti di questa malattia, mentre la seconda è DEBRA-South Tyrol, un’organizzazione che si prende cura dei cosiddetti “bambini farfalla”, la cui pelle è fragile e vulnerabile come le ali dell’insetto.

Si tratta, in quest’ultimo caso, di una malattia ereditaria, a causa della quale sin dalla nascita i bambini devono convivere con la rata “Epidermolisi bollosa” (EB), che genera bolle e ulcere in tutto il corpo.

Vediamo alcuni scatti del calendario attuale e dei precedenti.