Non c’è ambiente più intimo ed esclusivo della camera da letto: qui si concentrano emozioni ed esperienze, litigi e dolci risvegli che portano la coppia a crescere, giorno dopo giorno.

Il suo arredamento si è costruito nel corso del tempo, passando dai pagliericci sui quali si coricavano gli uomini primitivi, fino ai primi esempi di materassi in tessuto nelle culture Egiziane e Mesopotamiche; bisognerà aspettare i Romani che, attraverso l’invenzione del triclinium, apporteranno grandi mutamenti alle stanze da notte. Con l’evoluzione della manifattura artigianale e in seguito con la grande industrializzazione si conoscerà la realizzazione dell’arredamento interno alla camera che diventerà la stanza che oggi conosciamo.

La scelta dello stile della camera da letto è il momento più importante per dare la giusta tonalità all’ambiente e per renderla la suite migliore nella quale crescere, sfogarsi, innamorarsi. Ecco alcune idee sugli stili ai quali ispirarsi per caratterizzare gli spazi.

Stile Barocco

Come per le camere da letto dell’800, anche la propria stanza da notte può trasformarsi nella roccaforte del Castello. Lo stile Coloniale si caratterizza per l’arredamento imponente e massiccio, che sfocia nel baldacchino che sovrasta il letto, rendendolo il fulcro della camera. Le tonalità si caratterizzano per le sfumature più decise del marrone e per l’innesto di stili tipici dei primi anni del secolo scorso con richiami a dettagli tipici del 1600. Anche l’oro e il rosso si intrecciano all’arredamento.

Stile Giapponese

Dalle immagini a colori super-saturi del cartone giapponese Doraemon, che aveva come protagonista un gatto spaziale ricco di sorprese ed un bambino nipponico, si ha il piacere di conoscere alcuni aspetti della camera da letto giapponese. Il parquet e l’arredamento in legno chiaro danno vita a dialoghi materici capaci di costruire un ordine tipicamente orientale. La semplicità nelle forme molto regolari e spigolose, lo sviluppo orizzontale degli elementi di design e le dimensioni contenute sono gli elementi essenziali di questo stile. L’icona dell’arredamento si conferma essere il letto basso, quasi a livello del suolo, che fonde il corpo sdraiato alla Madre Terra.

Stile Hi Tech

Le camere da letto di oggi possono aprirsi al futuro, al domani. E’ il caso dello stile Hi Tech che, attraverso l’integrazione delle tecnologie più avanzate, dunque della domotica, permettono l’inserimento di apparecchiature volte a favorire la permanenza nella stanza. Possono essere ad esempio gli impianti di illuminazione e per riscaldare gli ambienti; altresì, possono essere innestati elementi di arredamento classici donandogli una nuova vita (futuristica, quasi).

Stile Nordico

Le case del Nord Europa sono minimali, essenziali; allo stesso tempo permettono di vivere il sapore della dimora e, in particolare, il calore della camera da letto. Lo stile Nordico si caratterizza per la ricerca raffinata ed accurata dei pochi elementi che saranno inseriti nella stanza, dotati di grande areazione: in tal senso, le librerie ed i mobili saranno aperti e ricchi di profondità. Le tonalità della sabbia e del grigio fumo potranno essere le tonalità più adatte a tale ambiente, sprovvisto anche del tendaggio e di tutti i fronzoli tipici delle case mediterranee.

Stile Sospeso

Sviluppatosi negli ultimi anni, questo stile concepisce lo sviluppo degli spazi in verticale senza contatti col suolo, attraverso l’inserimento di perni che sorreggono tutti gli elementi dell’arredamento lungo le pareti. Annullando ogni ostacolo sul pavimento, tale stile consente una maggiore facilità nella pulizia e nel riordino. Tutto l’arredo si basa sull’idea della scomparsa e dell’illusione, costruendo un ambiente incredibilmente eccitante allo sguardo.