La Candida Albicans è un fungo normalmente presente nel nostro organismo che, in determinate condizioni, genera una infezione nella zona vulvovaginale perché le secrezioni vaginali sono più ricche di glicogeno, uno zucchero che costituisce terreno fertile per il proliferare dei batteri. La micosi è causata dalle modificazioni dell’epitelio della vagina e dall’alterazione del pH.

Terapie antibiotiche, assunzione prolungata di cortisone, stress possono causare quindi prurito, bruciore e perdite vaginali dense e biancastre (simili a ricotta) e non maleodoranti. Una donna in gravidanza su tre soffre di candosi, specie durante il terzo trimestre e durante l’estate, quando la temperatura si alza: accade perché le future mamme producono una quantità maggiore di muco vaginale e questo, combinato agli alti livelli di estrogeni, crea l’ambiente ideale per la proliferazione batterica. Di solito la diagnosi è sintomatica, ma è anche possibile sottoporsi a un apposito test rapido che consiste nell’osservazione al microscopio di un campione di materiale prelevato dalla vagina.

La candida in gravidanza non è assolutamente pericolosa per il feto: non crea danni durante la gestazione, ma è possibile che il bambino al momento del parto possa prendere l’infezione per contatto e sviluppare una candidosi della mucosa orale che viene chiamata mughetto, d’altronde frequente anche senza il contagio materno e assolutamente curabile.

L’infezione può regredire in pochi giorni grazie all’applicazione locale di una pomata antimicotica; in gravidanza sono sconsigliati antimicotici per via orale, necessari tuttavia in caso di infezione persistente e da assumere solo previa prescrizione medica.

Piccoli ritocchi alla propria alimentazione possono aiutare a prevenire la candida in gravidanza e a evitare recidive: cercate di evitare tutti i prodotti fermentati, zucchero, formaggi e carboidrati. Preferite pane e pasta integrali perché rilasciano glucosio più lentamente, consumate più frutta e verdura e non dimenticate di bere almeno due litri di acqua al giorno. L’assunzione di probiotici aiuta a riequilibrare l’equilibrio intestinale e rende l’intestino resistente ai funghi: lo stesso vale per l’apparato urinario, per questo sono caldamente consigliati. Indossate indumenti larghi e di cotone, un tessuto traspirante che vi aiuterà a tenere la zona più asciutta possibile. Cercate di evitare le situazioni stressanti e preferite detergenti intimi delicati e senza profumo.

Il bruciore e il prurito sono insopportabili? Alleviateli con 3 gocce di Tea Tree Oil in un bidet di acqua tiepida; utile anche un antisettico naturale come la tintura madre di calendula (30 gocce circa).

Galleria di immagini: Megan Gale mamma: le immagini del primogenito della modella

photo credit: Bravibimbi via photopin cc