Che San Valentino sarebbe senza le canzoni romantiche? Per riscaldare o infuocare l’atmosfera, in base a come avete pensato di trascorrere la serata in compagnia del vostro lui, il consiglio è quello di dare vita alla giusta colonna sonora.

Il 14 febbraio, allora, munitevi di buone casse audio, aprite una bottiglia di prosecco, sorseggiate lentamente e premete play: la playlist da scaricare ve la consigliamo noi.

  • Inciso da diversi artisti con il titolo “To make you feel me my love”, il brano musicale “Make you feel me my love“, scritto ed interpretato da Bob Dylan per l’album “Time out of mind” del 1997 con successive cover di Billie Joel e Adele è perfetto come incipit alla vostra serata: “When the rain is blowing in your face, and the whole world is on your case, i could offer you a warm embrace to make you feel my love… / Quando la pioggia cade sul tuo viso, e il mondo intero è sulle tue spalle, potrei offrirti un caldo abbraccio per farti sentire il mio amore“.
  • Nel 1988, con l’album “I’m your man“, Leonard Cohen cantava nell’omonima canzone: “Here I stand… If you want a father for your child or want only to walk with me a while across the sand, I’m your man… / Sono qui… se vuoi un padre per i tuoi bambini o vuoi soltanto camminare con me sulla sabbia… sono il tuo uomo“.
  • Utilizzata nel film strappalacrime per eccellenza, “Ghost” (1990), Unchained Melody dei Righteous Brothers (1965) è la canzone che non deve assolutamente mancare nella vostra playlist: “Oh my love, my darling I have hungered for your touch, a long lonely time, and time goes by slowly, and time can do so much, are you still mine? I need your love… / Oh amore mio, oh mio tesoro, sono affamato del tuo tocco, da tanto tempo, un tempo solitario, il tempo passa così lentamente e il tempo può fare così tanto, sei ancora mio? Ho bisogno di te…“.
  • Rimanendo suoi grandi classici della musica internazionale, come non menzionare “The power of love” dei Frankie goes to Hollywood del 1984, “Wish you were here” dei Pink Floyd (1975), “Dreams” dei Cranberries (1993), “Unforgettable” di Nat King Cole del 1951? Indimenticabili vorremmo essere per la persona che amiamo: “Unforgettable that’s what you are, unforgettable tho’ near or far…/ Indimenticabile, ecco cosa sei tu, indimenticabile che tu sia vicina o lontana...”.
  • Gli U2 raccontano l’amore come nessun altro. Lo dimostrano “With or without you” (1987), One (1991) e l’ultima canzone tratta dal recente album “Sogns of innocence”, bellissima tra l’altro, “Song for someone” (2015): “If there is a kiss i stole from your mouth, and there is a light, don’t let it got out… / Se c’è un bacio che ho rubato dalla tua bocca e c’è una luce, non farla spegnere…“.
  • E poi ancora James Blunt con “You are Beautiful“, Bon Jovi con “Always“, Dalida e Tenco con “Ho capito che ti amo“, Gino Paoli con “Il cielo in una stanza“, Al Green con “Ain’t no sunshine” e per finire Ray Charles con la cover di Ben E. King “Stand by me“: “When the night is cold and the land is dark and the moon is the only light will see, stan by me… / Stai con me quando cadrà la notte e la terra sarà buia e l’unica luce che vedremo sarà la luna...”.