Negli ultimi anni i capelli castani sono stati un po’ messi da parte dalle tendenze di moda in fatto di colori; da qualche mese, però, sono tornati al centro della scena, complici le tante celebrities che hanno abbandonato riflessi più chiari per tinte nocciola, cioccolato o marrons glacé, come Olivia Palermo, Dakota Johnson o Jessica Biel.

Sfumature ramate e tonalità bronde, riflessi color cioccolato o caffè: ci sono mille possibilità per schiarirli, valorizzarli e ravvivarli e in questo modo far risaltare al meglio ogni tipo di carnagione. I trattamenti a disposizione sono davvero tanti, dallo shatush al degradé, dal tiger eye fino al balayage, con cui le more possono giocare con i contrasti rinnovando il proprio look senza stravolgere il colore naturale. Senza dimenticare, poi, le molte possibilità per abbinare un trucco intrigante e al corretto modo di vestirsi.

Ecco allora una breve guida per orientarsi con i capelli castani e sapere come schiarirli, valorizzarli e ravvivarli.

Capelli castani: come schiarirli

  • Tra le tendenze dell’inverno 2017, si è fatto spazio il tiger eye, dal nome di una varietà di quarzo, con riflessi mobili giallo-oro, molto splendenti. Attraverso sfumature caramello i capelli castani vengono scaldati con lampi di luce. Si applica con la tecnica del balayage, una serie di schiariture, da studiare in base a forma e struttura del viso, secondo le regole dell’hair contouring, tecnica presa in prestito dal make-up. È un tipo di tecnica si presta anche per chi vuole esaltare un biondo troppo “piatto”, aggiungendo intensità e profondità ai toni chiari con delle sfumature più scure. È perfetto per chi ha la carnagione olivastra.
  • I colpi di sole rimangono sempre in voga tra chi vuole schiarire il colore dei capelli ottenendo un risultato naturale. Sul castano chiaro o medio sono perfette schiariture nei toni del biondo o ramato, mentre per le basi più scure sono indicate anche tonalità intense come il mogano.

Capelli castani: come valorizzarli

  • Per valorizzare al meglio i capelli castani, si dovrebbe scegliere la sfumatura più adatta al proprio fototipo.
  • Il bronde, che va dal castano al miele, scalda al meglio l’incarnato molto chiaro. Per creare dimensione e volume si possono alternare ciocche più scure ad altre di uno o due toni più chiare senza però allontanarsi troppo dal colore naturale.
  • Se la pelle è chiara e gli occhi verdi, blu, azzurri, turchesi, grigi, si può puntare sul bruno profondo.
  • Se il sottotono è olivastro le nuance devono essere brillanti per non far apparire piatte le lunghezze. Il consiglio è quindi di fare spesso trattamenti gloss.
  • Se l’incarnato è molto scuro la sfumatura migliore è quella caffè, magari giocando con più toni, uno espresso e l’altro moka, in modo tale che il mantenimento non sia troppo difficile e l’effetto più naturale.

Capelli castani: come ravvivarli

  • Per ravvivare i capelli castani, il balayage è una colorazione permanente che schiarisce alcuni punti della chioma, creando un contrasto netto ma comunque delicato.
  • L’effetto più naturale, però, è quello che si ottiene con il degradé, cioè ciocche sottilissime schiarite e poi tonalizzate con il resto della chioma, proprio per evitare stacchi netti di colore.
  • Lo splashlight invece è, letteralmente, un flash di luce che illumina la parte centrale della chioma. Questi trattamenti sono l’ideale per valorizzare i tagli di capelli scalati.