Secondo gli esperti di genetica gli individui con i capelli rossi – il colore naturale più raro – sono e saranno sempre di meno, a causa della progressiva e drastica riduzione del rutilismo (la caratteristica delle persone che hanno appunto peli e capelli rossi o castano ramato).

La capigliatura di questo colore, a differenza del passato in cui era caricata di negatività, oggi risulta più attraente, seducente e misteriosa: non stupisce dunque che dal 2011 la tendenza a tingersi di rosso sia in continua ascesa (il 60% delle donne tinge i capelli in casa scegliendo per il 26% di farsi bionda, per il 27% bruna e per il 30% rossa, così le vendite di tinte rosse sono aumentate del 17% dal 2000).

In prima fila a portare avanti la tendenza ci sono – ovviamente – le star di Hollywood: dalle naturali Nicole Kidman e Julienne Moore alle amanti della tinta come Rihanna e Blake Lively. Si fa presto, però, a dire rosso: ogni stagione ha le sue nuances e ogni tipo di carnagione una tinta più adatta.

Tre, in particolare, i rossi da provare. Il rosso Tiziano, chiaro e delicato, sta bene a pelli chiare e rosate, da abbinare a tagli di capelli lunghi lisci, oppure ai tagli di media lunghezza mossi o ricci.

Sulle passerelle d’alta moda a impazzare è il rosso rame, visto sulle modelle di John Richmond, Elie Saab e Maxime Simoens: il colore è perfetto per far risaltare la carnagione chiara e gli occhi nocciola, adatto soprattutto ai tagli più corti.

Tra i colori più apprezzati quest’anno anche i rossi molto corposi e scuri, tendenti quasi al viola, adatti anche a chi ha una pelle olivastra e gli occhi chiari.

Foto: Beautiful young lady with red-haired bob – Shutterstock