Cara Delevingne, supermodella e attrice britannica, ha posato nuda per il numero di settembre della rivista “Esquire Magazine” e, nell’intervista a corredo del servizio fotografico, ha parlato a cuore aperto della sua adolescenza e della lotta alla depressione.

La bellissima ventitreenne, oggi di nuovo sulla cresta dell’onda grazie alla partecipazione al film “Suicide Squad“, ha confessato di essere caduta in depressione all’età di sedici anni:

“Quando sono diventata adolescente, a causa degli ormoni e della pressione di essere brava a scuola, ho avuto un crollo mentale. Avevo istinti suicidi. Mi rendevo conto di quanto fossi fortunata e privilegiata, ma tutto quello che volevo era morire. Mi sentivo in colpa e mi odiavo per questo. Io non volevo esistere più. Volevo che ogni molecola del mio corpo si estinguesse. Volevo morire“.

A causa dei suoi istinti suicidi la Delevingne cominciò da giovanissima una cura di anti – depressivi che decise di interrompere a diciotto anni.

Fu solo allora che riprese in mano la sua vita, dopo aver trascorso dei primi giorni turbolenti:

Quella prima settimana senza medicine ho perso la verginità, ho fatto a botte, ho pianto, ho riso. È stata la cosa migliore che potessi fare per sentire di nuovo le cose. Ho ancora momenti di depressione ma avrei preferito affrontarli sempre da sola senza l’aiuto dei farmaci. Odio le medicine, non sono d’accordo al loro utilizzo perchè è troppo facile abusarne“.

Insomma, un passato burrascoso ma adesso l’attrice ha finalmente trovato la serenità e, a parte il successo professionale, è felice accanto alla sua compagna, la musicista St. Vincent.