L’Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo ha chiesto alla stilista di {#moda} Ilaria Venturini Fendi di realizzare una borsa dal nobile scopo. Si chiama Carmina Campus e, particolarità di questo accessorio, è che aiuterà a sostenere le campagne contro l’infibulazione e le pratiche di mutilazione genitale femminile portate avanti da Amnesty International.

La borsa sarà presentata dalla fashion designer in occasione del convegno “Prevenire le mutilazioni dei genitali femminili. Sfide e impegni per l’Italia e l’Europa” che avrà luogo a Roma, precisamente nella sala Capitolare sita nel Senato, il giorno 18 ottobre alle ore 9. Ad aprire l’evento, di cui sarà protagonista anche questo importante accessorio, sarà Emma Bonino mentre tra le personalità presenti si annoverano Elsa Fornero insieme ad altre esponenti dei settori imprenditoriale, culturale e spettacolo; proprio queste personalità citate, qualche tempo fa, hanno posto la loro firma su dei petali di rosa realizzati in carta, oggetto icona contro l’infibulazione.

Questi petali di carta, saranno contenuti proprio dentro la borsa realizzata da Ilaria Venturini Fendi, la quale ha creato quest’accessorio ricilcando vari materiali come lattine di alluminio, campioni di pelle e zanzariere. Un buon modo, quindi, per impegnarsi socialmente contro le barbarie che ogni giorno, in qualche angolo del mondo, vengono perpretate sulle donne usando in molti casi come motivazioni quelle della cultura e della tradizione.

Fonte: Unità.it