Si informa che, in base a quanto stabilito dall’Unione Europea, dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale (passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio, se gli Stati attraversati ne riconoscono la validità. A partire da questa data non sarà più valida l’iscrizione del minore sul passaporto dei genitori (il quale rimarrà comunque valido fino alla sua naturale scadenza).

In base al decreto legge 70/2011, convertito con modifiche dalla legge 106/2011, la richiesta di rilascio e rinnovo della carta d’identità per l’espatrio può essere fatta per chiunque, senza limiti di età. Per il rilascio è necessaria la presenza di entrambi i genitori (o dell’unico genitore esistente) con un valido documento di riconoscimento. In alternativa, potrà essere consegnata al genitore presente la dichiarazione di assenso dell’altro genitore con la dichiarazione che non ci sono ostacoli all’espatrio e con copia del documento di riconoscimento di quest’ultimo. Se manca l’assenso dei genitori, serve il nulla osta del giudice tutelare.

La carta d’identità dovrà riportare la firma del bambino che abbia già compiuto 12 anni. In base all’art. 40, decreto legge 112, la carta d’identità per l’espatrio rilasciata ai minori di anni 14 può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci. Ma si precisa che il minore di 14 anni può usarla solo se viaggia in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci.

Per i minori che si recano all’estero non accompagnati dai genitori o da chi ne fa le veci, è necessaria ai fini dell’espatrio una dichiarazione di accompagno nella quale deve essere riportato il nome della persona o dell’ente cui il minore è affidato, sottoscritta da chi esercita sul minore la potestà. La dichiarazione di accompagno deve essere vistata dagli organi competenti al rilascio del passaporto e resterà agli atti della Questura, la quale provvederà a rilasciare un modello unificato che l’accompagnatore autorizzato presenterà alla frontiera assieme al passaporto del minore.

Se i minori accompagnati dai genitori o anche da uno dei due o da chi ne fa le veci, non è necessario allegare la dichiarazione di accompagno in quanto i dai anagrafici dei genitori sono indicati all’interno del passaporto. Può essere richiesta l’omissione o il depennamento dei dati per ragioni giuridiche, religiose, sociali o per altri motivi, su richiesta del genitore o dell’Autorità Giudiziaria.

(fonte: Polizia di Stato)