Se dico gioielli voi, giustamente, penserete a pietre scintillanti e materiali preziosi.

Se vi dico che sono di carta potreste rispondermi: “ma scherzi?”, perché magari vi immaginate quelli che voi da piccole, e magari ora le vostre figlie, vi divertivate a fare alle scuole elementari.

Invece no. I “Gioielli di carta”, che fino al 25 ottobre sono esposti nell’omonima mostra presso il Triennale Design Museum di Milano, sono delle originalissime creazioni tutt’altro che semplici e povere, come ci si potrebbe aspettare (guardate quello nella foto a lato, direste mai che è di carta?).

Le opere sono state realizzate da designer provenienti dalle aree più disparate del globo: dall’Australia agli USA, dall’Italia alla Finlandia, da Singapore ad alla Cina, da Polonia e Ungheria alla Gran Bretagna, dalla Turchia alla Spagna, e molti altri Paesi ancora.

Le creazioni sono tutte di carta riciclata (non a caso la mostra è stata realizzata in collaborazione con Comieco, il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) che è stata all’uopo dipinta, ricamata, intrecciata, piegata da mani sapienti e menti originali: il risultato è di gioielli che sembrano lussuosi come quelli tradizionali grazie ai plissè e agli origami, ai colori accesi e splendenti, alle forme inaspettate.