L’autunno è la stagione dei funghi, della zucca e delle castagne, frutto particolarmente ricco di fibre, minerali e acido eolico e conosciuto e utilizzato da sempre per le sue tante proprietà e i diversi benefici, comprese le molte calorie. Considerate a lungo un cibo povero, sono state la fonte di carboidrati per i montanari e i contadini di collina di tutta l’Europa del Centro-Sud. Intere province hanno trovato nella castagna il cibo base per l’inverno: castagne secche fatte rinvenire in acqua e bollite col lat­te.

Non a caso Senofonte, storico greco del 400 4.C., definiva il castagno “albero del pane”. E non per niente dalle castagne si ricava anche l’omonima farina, ingrediente base di molti dolci (come il castagnaccio) e polente.

Durante il Medioevo venivano utilizzate per combattere emicrania e gotta, mentre l’acqua di lessatura delle foglie e delle bucce era consigliata a chi soffriva di dolori cardiaci. A chi soffriva di problemi alla milza si suggerivano le caldarroste, mentre le castagne lessate venivano somministrate ai malati di fegato. E gli utilizzi terapeutici potrebbero continuare all’infinito.

L’Italia vanta circa un centinaio di varietà, comprese i marroni, frutti degli alberi coltivati ed eventualmente migliorati nel corso degli anni. Tra le varietà più celebri, ci sono il “Marrone buono”, un particolare scuro dei Marroni IGP della zona del Mugello e i Marroni della Val di Susa IGP.

Vediamo ora in dettaglio proprietà, benefici e calorie delle castagne, per sapere con precisioni perché, quando e quante castagne mangiare.

Castagne: proprietà

  • Le castagne contengono il 7% di proteine, il 9% di lipidi e l’84% di carboidrati.
  • Come tutti gli alimenti di origine vegetale, le castagne sono prive di colesterolo.
  • La parte edibile di 100 grammi di castagne fornisce 81 mg di fosforo, 30 mg di calcio, 0,9 mg di ferro e 395 mg di potassio: sono quindi una fonte importante di sali minerali.
  • Contengono molte fibre, utili per l’attività intestinale.

Castagne: benefici

  • Le castagne contengono molta meno acqua rispetto agli altri frutti e sono particolarmente ricche di carboidrati, qualità che le rendono un’alternativa al pane, alla pasta o alle farine adatta anche a chi soffre di celiachia poiché senza glutine.
  • Se ben cotte, sono molto digeribili.
  • Vengono consigliate in caso di anemia e sono una fonte di acido folico, la cui assunzione viene raccomandata in particolar modo alle donne in gravidanza.
  • Il fosforo che contengono le rende utili per il sistema nervoso.
  • Proprio la ricchezza di antiossidanti trasforma questi frutti in ottimi alleati di bellezza. L’estratto di castagne è utile per migliorare l’idratazione della pelle e per riparare i danni prodotti dai raggi ultravioletti. La vitamina C presente nel frutto è utile per la produzione di collagene, grande alleato dell’elasticità e della tonicità dei tessuti cutanei.

Castagne: calorie

  • 100 grammi di castagne forniscono 165 Kcal: sono un alimento ad alto valore energetico, utile in autunno e in inverno per recuperare le forze.
  • Sono calorie di ottima qualità e uno spuntino a base di castagne è migliore di quello con una merenda dallo stesso potenziale calorico.
  • Se mangiate in dosi limitate, non fanno ingrassare, poiché hanno un indice glicemico più del 50% più basso di quello della farina classica bianca e pari a quello della farina integrale. Significa che mangiare una castagna sarà più consigliabile di un grissino, sia in termini dietetici che di controllo della fame.