Lamberto Sposini sta meglio, anche se la prognosi è ancora riservata. Come annunciato dai medici, avrebbe dovuto iniziare oggi il suo risveglio e, infatti, pian piano il processo di coma farmacologico si sta invertendo.

Sposini è reduce da un intervento neurochirurgico d’urgenza, a seguito di una grave emorragia cerebrale che l’aveva colpito tenendo tutta Italia con il fiato sospeso. In queste ore si spera ancora per il suo stato di salute, che sembra tuttavia volgere al meglio.

Galleria di immagini: Lamberto Sposini

Si sta provvedendo dunque alla riduzione graduale della sedazione farmacologica, che sta venendo accompagnata dalla ricomparsa di risposta motoria agli stimoli esterni, come si può leggere sul bollettino medico diffuso dal policlinico Gemelli, dove Sposini è ricoverato.

Pare che comunque le condizioni generali di Sposini siano stabili, anche se è ancora in terapia intensiva. I medici che lo hanno in cura, Giulio Maira e Rodolfo Proietti, e che coordinano lo staff medico del Gemelli, cercano di tenere un cauto ottimismo sulle condizioni di salute del giornalista.