Ricordate il film “Il Diavolo veste Prada”? Bene, il personaggio della terribile direttrice di Runaway  che assume  l’ingenua Andy (Anne Hathaway) come sua seconda assistente,  è ricalcato da un personaggio vero e reale: Anna Wintour.

La Wintour è la direttrice di “Vogue” e negli anni ha dettato le leggi della moda in America, e anche nel resto del mondo, e ogni suo commento era ambito o temuto quasi fosse un giudizio divino.

Ma, ora che la Wintour ha superato i settanta anni, molti stilisti e designer hanno cominciato a ribellarsi ai suoi dettami. I primi sono stati Diego della Valle e poi anche Jean Paul Gaultier, adesso il ribelle è Roberto Cavalli.

Il fashion designer afferma che è arrivato il momento che i giovani americani si distacchino dallo stile della Wintour, minimalista e sobria, per portare sulle passerelle un po’ di fantasia e personalità.

Basta guardare la moda americana, che è quasi moda, è terribile e non puoi nemmeno guardarla. Ma è guidata da una grande giornalista, Anna Wintour, che vuole che tutte le donne assomiglino a lei e vestano secondo il suo stile. E’ difficile, quello che posso suggerire io è di essere diversi e cercare di creare stili fashion più artistici.

Chi sarà il prossimo?