Prosegue l’idillio tra Chanel e Cinecittà: la maison francese, infatti, dopo aver allestito la scenografia per la sua nuova collezione Métiers d’art Paris in Rome presso il leggendario Teatro Cinque degli Studios di Cinecittà (quello amato da Federico Fellini, per intendersi), ha scelto la medesima location per girare i due filmati, firmati da Karl Lagerfeld, con protagonista Kristen Stewart. I video per la campagna si intitolano Paris in Rome, sono in bianco e nero e si ispirano a Yvonne Furneaux, che nella “Dolce Vita” di Fellini interpretava Emma, la compagna gelosa del protagonista Marcello (Marcello Mastroianni).

Tra pizzi e orli di ispirazione ottocentesca, resi contemporanei dal contrasto con texture moderne più trasparenti, accessori e applicazioni, Kristen Stewart, malgrado sia il tomboy per eccellenza, si trasforma in una perfetta femme fatale per mostrare di fronte alla macchina da presa la nuova serie di borse della collezione Métiers d’art Paris in Rome 2015/16, che comprende la 2.55, le Boy Chanel e borse ispirate alla settima arte.

Vediamo quali sono i modelli della nuova collezione, disponibili da giugno in boutique.

Galleria di immagini: Chanel, tutte le borse della collezione Métiers d’art Paris in Rome

  • Il Quadrato Chanel è una borsa quadrata ultra femminile con una raffinata tracolla a catena ornata di chiusura ottagonale o a doppia C. Disponibile in tre misure e in vari materiali – pelle d’agnello matelassé o ricamata, pitone, lucertola o tweed – la borsa Il Quadrato Chanel è realizzata in una ricca varietà di colori autunnali ed è in linea con il connubio tra funzionalità ed estetica così caro alla Maison.
  • La borsa Boy Chanel viene rivisitata in velluto con motivo herringbone o in pelle bicolore, mentre l’iconica borsa è realizzata in tweed rosa o ricamata con perle e strass. Caratterizzate da una squisita raffinatezza, le pochette da sera in pitone, velluto o pelle scamosciata presentano preziose chiusure ad anello con strass neri, pietre couture e perle naturali. E, come sempre per Chanel, la praticità risiede in un dettaglio invisibile: una tasca con chiusura a zip nascosta sotto il risvolto di ogni pochette.
  • La macchina da presa, principale simbolo del mondo della cinematografia, diviene una borsa spiritosissima, realizzata in resina nera, talvolta illuminata da un obiettivo di strass, nasconde all’interno una lunga tracolla in pelle che si srotola proprio come la pellicola di un film.
  • La nuova linea di borse in pelle ultra morbida è realizzata con la sua parte più pregiata, trattata con il tipico savoir-faire degli atelier Chanel, che ricorrono alle tecniche meno invasive al fine di preservarne la nobiltà.
  • La 2.55 in pelle morbida è stata completamente reinventata, all’insegna di un’allure chic e al contempo minimalista e una naturale ed evidente modernità. È disponibile in una gamma di colori atemporali – in pelle nera, beige, marrone, navy e bordeaux – e nella versione impreziosita da un nastro di gros-grain o con lavorazione a maglia in jacquard.
  • La borsa a secchiello con la sua forma sinuosa e al contempo elegantemente robusta, è impreziosita da cuciture a vista. È disponibile in una gamma di colori che va dal nero al beige, passando per il moka, il bordeaux, il blu e il kaki. Estremamente pratica, è disponibile in due misure dall’ampio volume. In linea con l’estetica funzionale così cara alla Maison, questa borsa può essere indossata in due modi: sulla spalla, con l’ampia tracolla, o a mano, con la catena a maglia larga.