La cena a volte è un grande interrogativo. Cosa si può preparare dopo una lunga giornata lavorativa in cui magari si torna a casa molto stanche e si è anche mangiato poco perché si è saltato il pranzo o lo si è fatto di fretta? La cucina etnica può essere una soluzione, in particolare quella messicana, naturalmente rivisitata: non è difficilissima da preparare, non troppo lunga a volte, ma sicuramente appagante dal punto di vista del gusto e della nutrizione. Ecco alcune ricette che si prestano allo scopo.

Galleria di immagini: Ricette messicane

Tra le ricette adatte a una cena, solitaria o in compagnia, c’è sicuramente l’enchilada di pollo. Questa si prepara con riso scuro, straccetti di petto di pollo, peperoni dolci, formaggio cremoso a cubetti, cheddar magro e tortillas. Si possono aggiungere anche altri ingredienti nostrani, come pomodori o melanzane e funghi sottolio, che contribuiscono a dare maggior sapore. Non bisogna dimenticare di rendere tutto un po’ più piccante, con del peperoncino rosso, dell’habanero se si riesce a trovare, o altrimenti un po’ di giardiniera piccante.

Anche i taco, tipici della cucina messicana, sembrano appetitosi e perfetti per cena. È un piatto che può constare di vitello, chili in salsa piccante, tortilla, pomodori, cipolla verde, formaggio che fonde come l’emmenthal, lattuga e salsa messicana. Una rivisitazione italiana di tortillas e taco può essere una lasagna a base di questi ingredienti, con petto di pollo, brodo, pomodori, peperoni dolci e naturalmente formaggio che faccia da collante per le differenti parti.

Tutto ciò che non possiede carboidrati complessi, in generale, è adattissimo per una cena. Quindi via libera alla carne, al riso, alle verdure, ma non alla pasta. Anche per il pane, meglio integrale o il carasau sardo, che non appesantisce: il rischio di mangiare troppo la sera è quello di dormire male e svegliarsi peggio.

Per cui anche i panini a cena vanno benissimo, ma si deve stare attente ai condimenti, alla scelta del pane o della focaccia. Un escamotage potrebbe essere preparare una pizza chiusa e condita, che si possa semplicemente scaldare al microonde al proprio ritorno. Dei ripieni ottimali sono carciofi e pomodoro, ma anche cipolle rosse di Acquaviva, da preparare precedentemente in un sughino, in modo che ne emerga l’inevitabile dolcezza.