Dopo la denuncia per aver fatto strage di insetti, il reality britannico “I’m a Celebrity, Get Me Out of Here”, corrispettivo inglese de “L’isola dei Famosi”, fa ancora parlare di sé per aver maltrattato degli animali.

Questa volta, la vittima del programma è un topo della giungla.

Ad annunciarlo è Yahoo: il vincitore della nona edizione del reality Gino D’Acampo, chef italiano nato a Torre del Greco ormai da tanti anni in Inghilterra, sarà processato il 3 febbraio 2010 per rispondere di maltrattamento di animali.

D’Acampo, insieme all’attore e concorrente del reality Stuart Manning, per resistere sull’isola e vincere la fame ha chiesto alla produzione del programma di poter uccidere e mangiare un ratto.

Nonostante tutto ciò abbia sconvolto l’intera Australia, la nazione che ha fornito le location per il programma, la produzione ha acconsentito alla richiesta dei due disperati: lo chef campano ha realizzato un piatto che lui stesso ha definito “risotto al ratto”.

Ma questa vera e propria crudeltà è stata segnalata dalla Rspca, l’organizzazione australiana per la protezione degli animali, e da ITV1, la televisione britannica che aveva già informato i telespettatori sulla strage di insetti.

Per questo motivo, entrambi i naufraghi saranno processati in tribunale. Secondo David O’ Shannessy dell’organizzazione Rspca, bisogna tener conto anche della presenza delle telecamere come aggravante:

Uccidere un topo è inaccettabile. Ed è stato fatto unicamente per le telecamere!