Chi dorme troppo poco o dorme male rischia di ingrassare e sviluppa una maggiore predisposizione al sovrappeso e al diabete di tipo 2. Questo perché coloro che non riposano nel modo corretto non metabolizzano bene le calorie introdotte quotidianamente nell’organismo, attraverso l’alimentazione.

Lo rivela un recente studio condotto presso l’Università di Uppsala in Svezia e pubblicato sulla rivista American Journal of Clinical Nutrition. I ricercatori hanno spiegato che non si dovrebbe dormire mai meno di sei ore a notte altrimenti si rischia di metter su dei chili di troppo, seppur seguendo una dieta sana ed equilibrata. Chili che chiaramente poi non è semplice perdere.

Galleria di immagini: Problemi del sonno

Per arrivare a questa conclusione, sono stati presi in esame diversi studenti universitari ed è stato monitorato il loro sonno, ed è stato scoperto che anche una sola notte di sonno scadente rallenta al mattino dopo il metabolismo, riducendo dal 5 al 20% il consumo energetico per funzioni come quella digestiva.

Perdere sonno anche per una sola notte può dunque favorire un aumento di peso: aumenta la fame e rallenta il ritmo in cui vengono bruciate le calorie. Inoltre, determina un innalzamento della glicemia, della grelina e del cortisolo, gli ormoni riguardanti l’appetito e lo stress. Spiega Christian Benedetto della Uppsala University, in Svezia:

“I nostri studi dimostrano che una notte di sonno perso riduce il consumo energetico, il che suggerisce che il sonno contribuisce al regolamento del consumo energetico negli esseri umani”.

Già altri studi avevano evidenziato come coloro che soffrono di disturbi del sonno mostrano una variazione dei livelli degli ormoni implicati con il senso di sazietà e pertanto ingrassano, dunque questa ricerca va ad approfondire la questione e va a spiegare come chi non riposa bene sia più propenso ad aumentare di peso.

Soffrire d’insonnia o dormire meno di quanto si dovrebbe, non solo influenza negativamente le prestazioni professionali e la nostra qualità della vita in generale, ma ha anche degli effetti negativi sul metabolismo, che pertanto non dovrebbero essere mai trascurati.