Sempre più persone scelgono di ricorrere alla chirurgia plastica per poter raggiungere un determinato ideale di bellezza e correggere ciò che del proprio corpo lascia insoddisfatti. A farlo, però, non sono solo le donne di qualsiasi età, ma anche gli uomini e sembra proprio che il bisturi eserciti un certo fascino su chi vuole dichiarare guerra aperta alle imperfezioni e al tempo che passa.

=> Scopri di più sulla chirurgia plastica

Da uno studio recente, il “Global study of aesthetic cosmetic surgery procedures in 2011”, promosso dalla ISAPS è emerso un dato piuttosto interessante: l’Italia si classifica al quinto posto su scala mondiale per quanto riguarda il settore della chirurgia plastica, per il numero di interventi praticati e di professionisti del settore.

Nel bel Paese, l’intervento più richiesto è la mastoplastica additiva, ovvero l’aumento del seno, mentre per l’impiego della tossina botulinica esiste ancora qualche tabù spesso generato dalla disinformazione, il quale spinge i pazienti a preferire l’acido ialuronico. Un altro espediente chirurgico che sta iniziando a diffondersi è il lipofilling, che consiste nel trapianto del grasso del paziente stesso.

=> Vedi quale è il make-up giusto dopo un intervento

Tornando alla classifica vi si trovano il Giappone al 4° posto, la Cina al 3°, il Brasile al 2° e gli Stati Uniti in pole position. Guardando più da vicino i vari interventi offerti dalla chirurgia plastica troviamo poi l’Italia al quarto posto per quanto riguarda la richiesta di blefaroplastica, ovvero la chirurgia plastica agli occhi col 5.1% delle richieste, e la mastoplastica additiva con il 5.9%.

Fonte: Ansa.it