Un fenomeno del tutto innaturale è quello del ciclo mestruale durante la gravidanza, conosciuto come “falso ciclo”. Anche se può sembrare impossibile,alcune donne in stato interessante ne sono coinvolte.

Quindi, una volta constatato di essere incinte, delle perdite improvvise potrebbero essere un campanello dall’arme che qualcosa non stia andando per il verso giusto, per questo va comunicato immediatamente al ginecologo di fiducia.

Raramente si verifica un falso ciclo, può accadere a donne che assumono la pillola, ma nel caso di una donna gravida le perdite possono essere dovute dall’ impianto dell’ovulo fecondato nella mucosa uterina (conosciute anche come perdite di annidamento).

Generalmente questo tipo di perdite si presentano tra i 8 e 13 giorni dalla fecondazione e qualche volta può coincidere con la data delle mestruazioni, per questo è facile confondersi.

Può anche accadere che l’ovulo impiantato nell’utero trascorsi i 5 giorni i annida e vi resta per tutto il periodo della gravidanza. Nello specifico è l’endometrio ad accoglierlo. Si tratta di un rivestimento che presenta molti vasi e capillari, i quali, in seguito all’annidamento, possono rompersi e determinare un lieve sanguinamento.

photo credit: scribbletaylor via photopin cc