La pelle che abito“, “Il cigno nero“, “Drive“, qual è stato il film più scioccante del 2011? Difficile stilare una classifica di fronte a una serie di scene che hanno scioccato lo spettatore per una serie di ragioni, tra cui la sorpresa, la violenza, il pericolo. Per cui ecco alcuni film che senz’altro hanno lasciato il segno in un modo o nell’altro.

Tra questi non può mancare “La pelle che abito” del regista delle donne Pedro Almodovar. La storia, già di per sé abbastanza scioccante, racconta di un chirurgo plastico, Robert Ledgard, alias Antonio Banderas, che trasforma in una donna, Vera, l’uomo che crede gli abbia stuprato la figlia.

Galleria di immagini: Film scioccanti 2011

Scene di stupro non mancano nel film, anche se a un certo punto è Vera a essere stuprata da una strana creatura che prende il nome di Zeca, il fratello del chirurgo, anche se entrambi non lo sanno. Ma non è questo il peggio. Il passaggio da uomo e donna richiede dei sacrifici, con dei divaricatori che vengono mostrati a Vera: una donna che vede “La pelle che abito“, è normale che in quella scena avverta un senso di disgusto e dolore quasi fisico, anche se poi è l’immaginazione ad avere la parte del leone.

Realizzato nel 2010, ma distribuito in Italia nel 2011, è “Il cigno nero” di Darren Aronofsky. Anche qui si è di fronte a un film molto crudo, pieno di sorprese e non mancante di scene violente e veloci, quasi da thriller, e che comunque fa riferimento al dualismo dell’animo umano e a quanto ognuno cerchi di tenere a bada la parte oscura che è in sé, rivelandola all’occorrenza per amore dell’arte. “Il cigno nero” non è un thriller tout court però, ma piuttosto un drammatico psicologico in cui si assiste alla trasformazione della protagonista, impersonata da una magistrale Natalie Portman.

Anche “Drive” risulta in alcune parti provocatorio, come nella scena dell’ascensore, quando un bacio viene seguito inevitabilmente da un momento violentissimo e deturpante. In ogni caso, “Drive” ha avuto un grande successo di pubblico e critica, tanto da risultare uno dei film più belli usciti quest’anno. Scene violente e pericolose sono comunque presenti anche in “Transformers 3“, l’ultimo “Mission: impossible“, in cui Tom Cruise fa lo stuntman di se stesso, e “The human centipede”, durante la cui proiezione si dice che molte donne abbiano perfino avuto dei mancamenti.

Si conclude con una scena ironica, ma un po’ disgustosa se capitasse realmente. Quella de “Le amiche della sposa“, in cui la sposa Maya Rudolph ha un attacco di diarrea a centro strada, dopo un avvelenamento da cibo in un ristorante sudamericano, e durante il disturbo intestinale ha indosso il più bello e candido vestito da sposa che si possa immaginare.

Fonte: Movieline.