Con la festività di Halloween lasciata alle spalle da pochi giorni, sono tornate alla ribalta le tematiche horror, trattate nel mondo del cinema con soggetti e pellicole a volte decisamente inquietanti. Il Rolling Stone ha provato a stilare la Top 10 delle scene più spaventose mai comparse in una pellicola nel periodo 2000-2010, premiando con il gradino più alto della classifica proprio lo stile documentaristico di Paranormal Activity, da poco tornato nelle sale con il secondo capitolo della saga.

Di seguito, l’elenco dei dieci film inseriti dal critico cinematografico Peter Travers in questa particolare e raccapricciante chart (sulla quale qualcuno potrebbe ragionevolmente dissentire), seguito da alcune immagini prelevate da ognuna delle pellicole.

  1. Paranormal activity: lo stile amatoriale delle riprese è risultato capace di creare una tensione senza precedenti;
  2. 28 giorni dopo: l’unione tra l’ambientazione post-apocalittica e l’invasione di zombie ha dato i frutti sperati;
  3. Saw 2: tra le tante scene cruente, la più impressionante è quella in cui Shawnee cerca la chiave che le regalerebbe la salvezza in una vasca piena di siringhe;
  4. The ring: Samara esce dallo schermo di una televisione;
  5. Hostel: i malcapitati ospiti vengono seviziati e torturati;
  6. Drag me to hell: la protagonista Christine è vittima di una terrificante maledizione;
  7. L’alba dei morti viventi: ancora zombi in grande quantità;
  8. Twilight New Moon: lo sguardo di Aro, leader dei Vulturi;
  9. Open Water: due persone sperdute in alto mare, con gli squali a ronzargli intorno e senza possibilità di salvezza;
  10. The Human Centipede: un professore deviato, che cuce tra di loro gli esseri viventi.