Immaginiamo una nota marca di deodoranti e prodotti di igiene e bellezza che sceglie come testimonial di uno spot un’intera squadra di calcio. Immaginiamo che lo spot preveda che i giocatori stiano seduti come studenti e che il loro allenatore dia delle dritte tattiche su come affrontare l’uno a uno, mentre nel monitor scorrono le immagini di un uomo che bacia una donna. E che la risposta del giocatore modello in prima fila sia: “L’importante è metterla dentro“.

La palla, senza dubbio. Ma cosa c’entra questa risposta con un gel da barba? È quello che si sono chiesti molti italiani che hanno aspramente criticato lo spot di “Nivea for men“, sponsor rossonero dal 2008, accusandolo di essere sessista.

La squadra in causa è il Milan, e il giocatore che fa da capro espiatorio è Clarence Seedorf. Ma anche i suoi colleghi, che hanno accompagnato la battuta a doppio senso con una risatina tipica della solidarietà maschile all’interno di uno spogliatoio, non passano immuni dalla proteste, partite via Facebook da un gruppo che si chiama “Iniziativa contro le pubblicità sessiste, misogine e omofobe” che etichetta lo spot come “richiamo a concepire la donna come oggetto”.

Tanto che il gruppo Beiersdorf, titolare del marchio Nivea, ha dovuto rilasciare una dichiarazione:

Siamo contenti dei risultati prodotti. Non ci siamo accorti di proteste e non era comunque nelle nostre intenzioni irritare la sensibilità di qualcuno.

Possiamo considerarlo un autogoal per i primi in classifica. Mai momento fu peggiore per avvicinare l’immagine della donna oggetto al Milan, per la troppo facile associazione, servita su un piatto d’argento, con il suo presidente Silvio Berlusconi, a causa degli scandali che lo vedono coinvolto, dalla vicenda Noemi Letizia, per poi passare a quella di Ruby Rubacuori fino alla sottolineatura di WikiLeaks di questi ultimi giorni. Oppure la verità è che l’agenzia che ha curato la pubblicità ha fatto due calcoli e ha congegnato lo spot di proposito, seguendo il vecchio motto “parlino male purché ne parlino”? Lo scopriremo a gennaio, quando è prevista la nuova programmazione pubblicitaria.

Ecco il video dello spot “sessista” di Nivea for Men: