Dopo la prematura scomparsa della figlia Indila Carolina, la showgirl Claudia Galanti si era chiusa in un silenzio assoluto, evitando di rilasciare qualsiasi informazione nè alla stampa nè ai social network. Solo dopo tre mesi Claudia ha deciso di farsi avanti con una toccante intervista al settimanale “Chi“. Per la prima volta ha così confessato di aver provato un dolore tanto grande da portarla quasi al suicidio:

“Ero a Parigi, la mia bambina, Indila era morta già da qualche settimana quando ho deciso di farla finita. Sono salita in piedi sulla finestra: lo sguardo volava giù e volevo che il mio corpo lo seguisse. Mentre pensavo al salto è entrato mio figlio Liam. Mi ha detto: “mamma”. E io mi sono fermata. Ma ho capito che nella mia vita non potrò mai più essere felice”.

Oggi la showgirl sta cercando di superare tale sofferenza aggrappandosi ad aiuti esterni e alla forza dell’amore per una figlia ed una madre che non ci sono più:

“Non supererò mai questo momento. Sono stata in cura e lo sono ancora. Non so quando e come ne uscirò. ma ho deciso di ricominciare, per il bene dei miei figli. Ho lasciato Parigi e sono tornata a Milano. Ho chiamato a rapporto i miei fratelli e mio padre. Sono tornata una bambina indifesa, senza forza e senza coraggio. Per tanti anni mi sono presa cura di loro, ora sono io che ho bisogno di aiuto. Ho trovato la forza di vivere grazie a Indila. Lei e mia madre dall’alto mi danno la spinta per non mollare”.

A sostenere Claudia adesso c’è anche il suo nuovo compagno, l’imprenditore Tommaso Buti, che sembra averle ridato una serenità che credeva avesse perso inesorabilmente:

“Gli devo tanto. Gli devo tutto. Mi ha aiutato a capire come dovevo rialzarmi dopo la tragedia di Indila. Ha un cuore immenso. Non mi ha lasciato nel momento in cui stavo precipitando, nel momento in cui volevo farla finita”.