Frutta e verdura in calo sulle tavole degli italiani. Lo afferma la Coldiretti nel rapporto Osservasalute 2011 nel quale si evidenzia una flessione del meno 22% nella spesa delle famiglie, anche di quelle che abitualmente consumavano 5 porzioni al giorno di frutta e verdura come consigliato da tutti i nutrizionisti.

La crisi purtroppo si fa sentire anche al momento della spesa colpendo quel settore considerato più caro o del quale si pensa di poter fare a meno. Sono soprattutto i più giovani a consumare meno frutta e verdura che insieme a pane, pasta, pesce, frutta, olio extravergine di oliva e un buon bicchiere di vino costituiscono la base della dieta mediterranea e garantiscono ottima salute e un’aspettativa di vita più elevata.

Ma se da un lato diminuisce il consumo di vegetali e frutta da parte delle giovani generazioni, sempre più spazio viene invece riservato a cibi grassi e ricchi di zucchero. La conseguenza è che tra i ragazzini di 8 e 9 anni ben il 34% è lontano dal peso forma e molti addirittura sfiorano l’obesità con tutti i rischi per la salute che ne derivano.

Per questa ragione la Coldiretti sta realizzando il progetto “Educazione alla Campagna Amica” per formare i ragazzi delle scuole elementari e medie di tutta Italia all’educazione alimentare attraverso lezioni in programma nelle fattorie didattiche e laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe.