Qualche sbalzo di temperatura, il passaggio repentino da freddo a temperature più miti hanno sicuramente condizionato la nostra salute. Complice l’arrivo della primavera che ha sancito lo stop ai riscaldamenti e l’influenza si è presentata puntuale.

Molte le vittime colpite da febbre e mal di gola, magari accentuati da uno stato allergico, e in tanti si son trovati sotto le coperte febbricitanti. Piccoli e grandi colpiti da bacilli, bronchiti e spossatezza, e tra tutte sicuramente la tosse, conseguenza di un’irritazione delle vie respiratorie.

Galleria di immagini: Soluzioni contro la tosse

Un passaggio dal medico di famiglia è d’obbligo, magari facendosi prescrivere le medicine giuste. Che siano classiche o omeopatiche l’importante è curarsi, ma per velocizzare il procedimento ci sono vari rimedi casalinghi che la tradizione ci offre. Per sedare un po’ la tosse, e permettere al nostro corpo di riposarsi, è indispensabile bere qualcosa di caldo che fluidifichi l’infiammazione.

Tra le soluzioni più classiche troviamo il latte caldo con il miele, da bere prima di andare a dormire. In alternativa un bicchiere di succo di limone caldo o tiepido sempre con un cucchiaino di miele.

Per favorire la respirazione si possono fare i vapori con acqua nella quale sciogliere un prodotto a base di sostanze balsamiche. È indispensabile versare l’acqua calda così composta dentro un catino, quindi posizionarvi sopra il viso per respirare il tutto magari aiutati da un asciugamano che vi possa coprire la testa.

Le sostanze più indicate per fluidificare sono il basilico, l’eucalipto, la lavanda, il rosmarino e il timo, mentre per le infiammazioni gravi delle vie respiratorie i più adatti sono l’anice, lo zenzero e la menta piperita. Poche gocce in acqua bollente favoriranno la guarigione. Una buona risposta sono anche i decotti e gli infusi caldi, magari una tazza calda di malva con un cucchiaino di zucchero di canna da gustare con calma tranquillizzerà l’infiammazione respiratoria, interrompendo per un po’ il fastidioso spasmo muscolare che spesso accompagna la tosse.

Anche se non è più Natale un classico antinfluenzale è il vin brulè, ottimo grazie alla combinazione di agrumi e chiodi di garofano.

Per i più audaci si può creare un decotto con rape o cipolle e con lo zucchero: si taglia sottilmente e si cosparge ogni strato con dello zucchero. È indispensabile lasciare riposare per qualche ora quindi si potrà bere lo sciroppo prodotto dall’unione di zucchero e l’ortaggio prescelto. Un’altra soluzione vede l’unione di latte e di una cipolla tagliata a fette sottili, si deve far bollire il tutto, e dopo bere il composto filtrato ottenuto. Il sapore dolce della cipolla si sposerà con il latte, rendendo piacevole il gusto.

L’imperativo è bere tanta acqua, tisane, succhi, bevande calde per contrastare la tosse secca e favorire lo scioglimento del catarro.