Come abbinare i pantaloni a zampa? I pantaloni a zampa di elefante, comunemente chiamati solo pantaloni a zampa, sono un tipo di pantalone che scende semi-aderente fino al ginocchio, per poi allargarsi dal ginocchio in giù. L’origine di questo indumento viene fatta risalire al XIX Secolo, quando la Marina Militare Statunitense iniziò ad indossare il pantalone a campana; da lì a pochi anni, anche grazie alla cultura hippy e poi alla musica disco, il pantalone a zampa acquistò un grandissimo successo che si spense negli anni ’70.

Oggi, grazie anche alla cultura del vintage e del retrò, stanno tornando negli armadi di ogni donna (sempre che ne siano mai usciti) e sono tra i grandi protagonisti dell’estate 2015 che sta vivendo il revival anni’70.

Ecco alcuni semplici consigli su come abbinare e portare i pantaloni a zampa.

  1. Camici a fiori e accessori anni ’70. Anche se per coloro che hanno vissuto la cultura Hippy tutto questo potrà sembrare blasfemo, è possibile rievocare quegli anni accostando i pantaloni a zampa con una blusa o una camicia morbida dalla stampa floreale, senza esagerare con i colori. A questo si può aggiungere una scarpa con la zeppa ed una collana lunga che scivola lungo il petto, muovendosi sul seno.
  2. Maglia o camicia in tinta unita. Per un appuntamento informale e allo stesso tempo con una persona che non si conosce da troppo tempo, si può affidare al pantalone a zampa il duro compito di manifestare la propria anima: abbinando al pezzo inferiore una maglietta di colore neutro (bianco o nero) aderente, infilata nei pantaloni e fermata con una cinta nera, la figura è presto fatta. Il tutto condito con una bella giacca sporty che preservi l’eleganza, senza però eccedere.
  3. Scarpe alte. Un consiglio fondamentale per indossare il pantalone a zampa è quello di abbinarlo a scarpe alte (molto alte, a dire il vero), che ne sottolineino la dimensione e che non appiattiscano le forme femminili. Scegliendo l’abbinamento con una canottiera colorata e divertente, si può far ricadere la scelta su uno stivaletto alto e chiudo, che mostri solo parte del piede, e che evidenzi la grinta della donna. Ottima idea anche i sandali con plateau.

Non resta che lasciarsi avvolgere dal fascino del pantalone senza tempo, dal vessillo di culture e ideali ormai persi, per rievocarne la bellezza nella frettolosa vita metropolitana.