Se state pensando di dare un nuovo aspetto alla vostra cucina, oltre a elettrodomestici e complementi d’arredo, allora, è bene riflettere con calma sulla scelta della pavimentazione e soprattutto su come abbinare il pavimento alla cucina in modo funzionale.

Non tutte le soluzioni in commercio, infatti, si prestano a soddisfare le esigenze proprie dello spazio-cucina, che per sua natura richiede qualche attenzione in più.

È bene partire dal presupposto che il pavimento della cucina richiede di essere lavato spesso e velocemente. Considerando che è lo spazio dove cuciniamo, sperimentiamo e mangiamo ci sono buone probabilità che il pavimento della cucina richieda dunque delle pulizie extra.

Se cercate una soluzione elegante, ideale soprattutto in caso di cucina a vista sul soggiorno, un’idea di tendenza è quella di optare per il grès porcellanato, un materiale ceramico molto resistente che permette di ottenere superfici con un effetto legno molto raffinato e naturale. Disponibile in diverse tonalità e sfumature, basterà scegliere la gradazione che meglio si sposa con il resto dell’ambiente.

Un’altra soluzione adatta e perfetta se desiderate una cucina dallo stile country chic è il pavimento in cotto, materiale che risponde molto bene al caldo e al freddo e per questo utilizzato anche negli esterni. Anche in questo caso potrete modulare la scelta del colore in funzione dei mobili scelti per la cucina. Una parete di mattoni a vista, un tavolo rustico in legno grezzo e dei complementi in ferro battuto renderanno l’ambiente di sicuro fascino.

Se invece puntate su una cucina dallo stile moderno, potete pensare anche di giocare sull’effetto dei contrasti cromatici: una cucina rossa può essere accompagnata da un pavimento nero o ancora mobili bianchi possono essere vivacizzati da un pavimento verde acceso. Attenzione però alla scelta del bianco o del crema per il pavimento della cucina: anche se molto raffinate, si tratta di tonalità che rendono visibile qualsiasi piccola traccia di sporco o di unto e che quindi vi costringeranno a pulire il pavimento molto più spesso.

Un’alternativa che si presta bene a qualsiasi tipo di cucina? Il pavimento in ardesia, una pietra naturale che si può trovare in molteplici tonalità che vanno da quelle molto scure e vicine al nero a quelle del grigio chiaro. L’ardesia si adatta perfettamente tanto alle cucine di design molto moderne quanto a quelle più rustiche e tradizionali. Anche in questo caso si tratta di un materiale piuttosto resistente che potrà essere trattato con specifici prodotti anti-macchia e che potrà essere declinato in diverse forme a seconda dello stile scelto.