Allestire un acquario in casa non solo può risultare una moderna soluzione d’arredamento, ma può anche trasformarsi in una bella attività da svolgere con tutti i membri la famiglia. Avere animali domestici è un toccasana per tutti, specialmente per i bambini che imparano a vivere e a rispettare anche i piccoli esseri viventi che con noi condividono le mura di casa. Ma se volete ospitare dei pesci in un acquario ricordatevi di considerare sempre le loro esigenze, tentando di ricreare il più possibile un ambiente simile a quello in cui sono nati e cresciuti. Come ogni altra creatura, anche i pesci hanno bisogno di cure e attenzioni che non vanno mai sottovalutate quindi, per allestire un acquario, dovrete seguire degli accorgimenti che vi impediranno di commettere errori e di preparare, per i nuovi ospiti, un habitat più confortevole possibile.

Scelta dell’acquario

In commercio esistono tantissime soluzioni per ogni tipo di appartamento. Le vasche a disposizione passano da quelle classiche di forma tondeggiante, di piccole dimensioni, alle alternative forme rettangolari, quadrate, esagonali che sono disponibili in misure più grandi. Ricordate che acquario piccolo non è sinonimo di facilità. Le vasche più grandi, oltre a essere più piacevoli alla vista perché possono contenere molte più decorazioni, permettono di ospitare pesci di differenti razze e facilitano la pulizia dell’ambiente marino ricreato nell’acquario. Per quanto riguarda la collocazione è opportuno individuare un angolo privilegiato della casa dal quale ammirare la bellezza indiscussa dell’acquario, tenendo opportunamente conto dello spazio necessario alla manutenzione. Appoggiate la vasca su un supporto stabile e piuttosto rialzato: in questo modo manterrete fissa l’intera struttura ed eviterete che un urto accidentale possa rovesciare il contenuto dell’acquario.

Illuminazione, riscaldamento e filtro

Un acquario senza illuminazione non è un acquario che si rispetti. La luce, però, non è solo un elemento di decorazione ma è indispensabile per la vita dei pesci e dei microorganismi che popolano la vostra vasca. Un perfetto sistema di illuminazione garantisce il perfetto funzionamento dell’acquario e delle eccellenti condizioni di vita per i vostri amici acquatici. Le tipologie di lampade migliori, in grado di garantire la fotosintesi clorofilliana, sono senza dubbio quelle fluorescenti di cui ne esistono diversi tipi, forme e voltaggi. Anche il riscaldamento ha un ruolo fondamentale nella buona riuscita di un acquario. Solitamente le vasche devono essere mantenute a una temperatura che si aggira tra i 24 e il 26 gradi e, a tal proposito, un termoriscaldatore è lo strumento perfetto per regolare il caldo e il freddo dell’acqua. In commercio potrete trovarne di diversi tipi tra i quali spiccano anche i modelli elettronici, in grado di aggiustare ad hoc la temperatura del vostro acquario scaldando e raffreddando l’ambiente al bisogno. Infine pensate al filtro da utilizzare. Eliminare le sostanze nocive che si creano con gli escrementi dei pesci o con i residui del mangime rimasti nell’acqua è fondamentale. I filtri vanno appesi sul bordo della vasca e possono essere sia interni che esterni. Nei negozi specializzati, però, troverete anche un’ampia gamma di acquari già forniti di filtro.

Decorazioni

Una volta terminate le mansioni tecniche potrete passare alla parte più divertente. Negli negozi dedicati agli animali troverete una quantità infinita di oggetti e complementi di arredo per l’acquario. Dalle rocce alle alghe, dai sassi alla sabbia, potrete scegliere ogni sorta di decorazione per la vasca dei pesci. Anche in questo caso optate per materiali naturali che permetteranno alla fauna dell’acquario di adattarsi più facilmente al nuovo habitat e di vivere in condizioni d’eccellenza anche in una vasca di dimensioni notevolmente ridotte. Quando avrete terminato con le decorazioni non vi resterà che introdurre l’acqua nel contenitore.

Foto: Interior – Shutterstock