Il dolore cervicale – o cervicalgia – è un disturbo piuttosto comune, perché dipende non solo da disturbi fisici ma anche emotivi. Per alleviare il fastidio è fondamentale rivolgersi al proprio medico, ma anche eseguire dei semplici esercizi comodamente da casa può essere d’aiuto.

Fattori spesso concatenati tra loro possono causare il dolore cervicale. Traumi, esposizione al freddo, posizioni scorrette durante l’arco della giornata, eccessivi sforzi, mancanza o eccesso di attività fisica e stress sono tra le cause più comuni della cervicalgia – da non confondere con la cervicale, che è il segmento di sette vertebre che duole solitamente.

Il dolore cervicale può verificarsi anche a causa di osteoartrite delle vertebre in questione e degenerazione di uno o più dischi inervertebrali, ma in questi casi è opportuno rivolgersi a un esperto che prescriverà la giusta cura. I sintomi possono variare, ma solitamente di avverte mal di testa, dolore nella zona cervicale, rigidità e giramento di testa.

Gli esercizi per la cervicale che proponiamo qui hanno lo scopo di mobilizzare le vertebre cervicali e di sciogliere le tensioni accumulate durante la giornata. Essenziale è svolgere gli esercizi lentamente e per in modo regolare e costante, cercando di rilassarsi ed evitando movimenti bruschi o improvvisi.

Il primo esercizio deve essere svolto in piedi. Quindi flettere il collo lentamente di lato, spingere delicatamente la testa verso il basso con la mano del lato verso il quale è piegata la testa, e piegare l’altro braccio dietro la schiena a 90°, mantenendo la posizione per circa 20 secondi e poi cambiare lato.

Il secondo esercizio può essere eseguito in piedi o da seduti, e consiste nel flettere il collo di lato lentamente, mantenendo la schiena ben dritta. Quindi tornare alla posizione di partenza e dopo qualche secondo flettere il collo dall’altro lato.

Il terzo esercizio, da eseguire o in piedi o da seduti, consiste invece nel flettere lentamente il collo a destra, indietro, a sinistra e infine avanti, mantenendo bene eretta la schiena, con spalle e collo assolutamente rilassati. L’esercizio è da ripetere anche nel senso opposto.

Anche il quarto e ultimo esercizio può essere eseguito in piedi o da seduti. Quindi flettere lentamente il collo di lato, afferrare – con la mano del lato verso il quale è piegato il collo – il polso del braccio opposto e tirarlo leggermente verso il basso, mantenendo la posizione per circa 20 secondi e poi cambiare lato.