Quando si arreda casa e si ha un figlio, è importante sapere come arredare, come decorare e come organizzare la camera del bambino o dei bambini: la cameretta, infatti, è diversa da tutte le altre stanze, ha i suoi mobili, le sue decorazioni, deve essere funzionale ma anche piacere al piccolo che dovrà trascorrerci dentro molto tempo.

Nella cameretta, infatti, i bambini non solo dormono, ma giocano, fanno i compiti, creano il loro mondo fantastico da cui gli adulti sono esclusi.

Tra letti a castello, scrivanie, adesivi murali, ceste dei giocattoli sono tanti i protagonisti della camera del bambino, mobili e oggetti che non possono mancare.

Vediamo, allora, i consigli utili per capire come arredare, decorare e organizzare la camera del bambino al meglio.

Galleria di immagini: I più bei letti per bambini in commercio

Come arredare la camera del bambino

Il primo fattore di cui tenere conto quando bisogna arredare la camera del bambino è la sua età: a età diverse corrispondono, infatti, esigenze diverse.

Per un neonato è importante avere lettino, fasciatoio, armadio e cassetti; verso i due anni i bambini iniziano una vita più autonoma, e ci vorrà un letto ma anche un tappeto per giocare a terra e delle scatole per riporre i giochi; a sei anni i piccoli sono completamente autonomi, devono poter prendere i loro vestiti da soli e avranno anche bisogno della scrivania per i compiti della scuola.

La camera del bambino deve essere più accogliente possibile, affinché fin da piccolo si convinca a dormire nel suo letto e non abbia timore di stare nella stanza da solo, ma la consideri piuttosto come un posto tutto suo.

Per questo, anche se i genitori sono dei patiti dell’arredo, non dovrebbero prevaricare i gusti del figlio, ma dovrebbero permettergli di scegliere (nei limiti del possibile e della ragionevolezza) l’arredo della sua camera, o comunque tenere conto del suo parere.

Se i bambini sono due, sono molte le soluzioni per arredare la cameretta, in base al budget o allo spazio, dai letti a scomparsa a quelli a castello, molto amati dai più piccoli.

Naturalmente, anche se la cameretta è il loro piccolo mondo, questo non vuol dire che possa regnarvi il caos più completo, anzi è importante aiutare i bambini a capire come prendersi cura dei propri spazi e dar loro gli strumenti per tenere tutto in ordine.

Come decorare la camera del bambino

Nella camera del bambino è possibile davvero sbizzarrirsi con le decorazioni, perché i bambini amano figure, personaggi, colori e i più piccoli inventano storie su tutto quello che vedono.

L’ideale sarebbe riuscire a trovare, di comune accordo con i figli, un tema e declinarlo decorando la stanza: che si tratti di Supereroi, di draghi o di principesse, sarà bello trovare poster, adesivi murali, oppure realizzare insieme decori fai da te da appendere in camera.

Non possono mancare, di certo, i tappeti su cui i bambini possono camminare anche scalzi, le foto di famiglia o dei momenti più belli del piccolo, come gli scatti delle vittorie sportive o dei compleanni, oppure l’asta per misurare l’altezza dei figli. Un’alternativa divertente è lasciare libera una parte di parete per segnarvi sopra, con tanto pastelli colorati, l’altezza dei bambini, per vederne i progressi.

Come organizzare la camera del bambino

Sapere come organizzare la camera del bambino è davvero fondamentale, sia perché con una stanza ben ordinata il “lavoro” del genitore è più facile, sia perché anche il bambino può imparare meglio ad essere indipendente se tutto è chiaro e ha un suo posto prestabilito.

La camera di un neonato deve essere organizzata in maniera che la mamma, il papà o chiunque si prenda cura del piccolo abbia tutto a portata di mano, come l’occorrente per il cambio del pannolino, le tutine e così via.

L’ideale, per i bambini dai 2 o 3 anni in poi, è che determinati mobili siano alla sua altezza, come un piccolo armadio con gli abiti che mette più spesso, un cassetto, un mobile dove riporre con facilità i giochi o delle ceste.

Con la scuola, sarà opportuno organizzare anche un angolo per lo studio, con la scrivania, dei cassetti, mensole per i libri e anche un gancio per lo zaino o la cartella.