La maggior parte delle donne che scoprono di essere incinta si pone la medesima domanda: quando nascerà il bambino? Andare avanti con il pensiero fino alla fine dei nove mesi è facile, ma secondo una convenzione usata dagli esperti in materia, il calcolo dell’epoca gestazionale viene invece effettuato in settimane.

La gravidanza dura in media 40 settimane, oppure 10 mesi lunari o 280 giorni; per calcolare l’inizio e la data del parto si fa riferimento all’ultima mestruazione.

Galleria di immagini: Calcolo settimane di gravidanza

Sarebbe infatti decisamente problematico risalire al giorno esatto in cui c’è stato il concepimento, che generalmente si verifica in corrispondenza dell’ovulazione. Questa è tuttavia variabile e, sebbene cada circa quattordici giorni dopo il ciclo, determinare con precisione quando è avvenuta la fecondazione è molto difficile.

Durante la prima ecografia, che dovrebbe essere eseguita entro la quattordicesima settimana, il ginecologo può datare la reale età del feto sulla base delle sue misure e altri parametri strettamente medici, tuttavia per il calcolo della gravidanza si continuerà a fare riferimento alla data dell’ultimo ciclo mestruale. C’è quindi una differenza tra età gestazionale, calcolata dall’ultimo ciclo, e età concezionale, quella reale del feto.

La faccenda si complica un po’ perché, oltre alla settimana, la formula precisa prevede anche l’indicazione dei giorni. Per fare un esempio, se una futura mamma si trova a 5 settimane più 2 (5 + 2), questa ultima cifra indica il numero dei giorni compiuti oltre la settimana. Dopo il + 6 si passa alla settimana successiva.

Per calcolare l’epoca della gravidanza si può usare il regolo ostetrico, tuttavia online si trovano pratiche e immediate applicazioni che consentono alla donna in attesa di inserire pochi parametri numerici per scoprire la precisa datazione gestazionale e la presunta data del parto.

Attualmente esistono anche alcuni innovativi test di gravidanza digitali che indicano il concepimento, in grado di confermare non solo l’avvenuta fecondazione ma anche da quante settimane si è incinta.

Qui di seguito un pratico schema che illustra la corrispondenza tra mesi e settimane:

4 + 3 settimane corrispondono alla fine del 1 mese

8 + 5 settimane corrispondono alla fine del 2 mese

13 + 1 settimane corrispondono alla fine del 3 mese

17 + 4 settimane corrispondono alla fine del 4 mese

21 + 6 settimane corrispondono alla fine del 5 mese

26 + 2 settimane corrispondono alla fine del 6 mese

30 + 4 settimane corrispondono alla fine del 7 mese

35 + 0 settimane corrispondono alla fine dell’8 mese

40 + 0 settimane corrispondono alla fine del 9 mese