Tutte le coppie, al momento delle nozze, sognano l’happy ending, il “e vissero tutti felici e contenti”, ma costruire un matrimonio solido non è un’impresa facile.

A mettere a dura prova gli innamorati pensano la convivenza, la monotonia, le divergenze sia sulle piccole questioni quotidiane sia su grandi scelte che riguardano tutta la famiglia: educazione dei figli, gestione della casa, vacanze, pagamenti, ma anche mancanza di attenzioni, di intimità e presenza, sono tante le tematiche su cui inevitabilmente ci si deve confrontare e su cui spesso ci si scontra.

Un matrimonio solido, però, può essere considerato come un edificio che va costruito mattone per mattone, giorno dopo giorno, avendo cura di ogni passaggio della costruzione, affinché il risultato finale sia duraturo e resistente agli alti e bassi che sono inevitabili nella vita di ciascuno di noi.

Vediamo, allora, qualche consiglio da seguire per sapere come costruire un matrimonio solido ed avere il lieto fine tanto desiderato.

  • Esprimere i sentimenti in modo maturo. C’è una differenza tra lamentarsi inutilmente ed essere costruttivi. Se c’è qualcosa che non va, che non piace, che si vorrebbe migliorare, meglio parlarne e utilizzare un approccio positivo che lamentarsi senza arrivare mai al punto.
  • Regalare piccoli gesti romantici quotidiani. Spesso la quotidianità può uccidere lentamente l’amore, l’affetto, la tenerezza: non bisogna mai dimenticare di dedicare al partner piccoli gesti romantici quotidiani come coccole, accortezze, regalini a sorpresa anche senza un motivo preciso.
  • Smettere di cercare di dimostrare che si ha ragione a tutti i costi. Si potrebbe anche avere ragione al 100%, ma cercare di dimostrarlo sempre e di volere ogni volta l’ultima parola non è un atteggiamento costruttivo. La via della pace, della comprensione e della tolleranza è migliore di quella dell’arroganza: meglio la felicità della ragione a tutti i costi.
  • Non incolpare il partner. Se qualcosa non va durante il matrimonio, il primo istinto è quello di incolpare il partner e scaricare su di lui tutta la responsabilità dei problemi. Ma la verità è che marito e moglie formano un squadra e in un matrimonio solido si sostengono l’un l’altra con parole e azioni. Meglio parlare insieme di soluzioni, piuttosto che accusarsi a vicenda.
  • Essere ricettivi. Se dopo una lite chiusa il partner vuole riavvicinarsi, è importante essere ricettivi ai segnali e aperti all’altro, per rendere possibile la riconciliazione.
  • Non usare minacce per manipolare il coniuge. Utilizzare minacce per intimidire il partner non fa altro che creare un ambiente di paura, rabbia e sfiducia, allontanando stima, amore, rispetto.
  • Mantenere viva l’intimità. Infine, è fondamentale mantenere viva l’intimità, la sessualità della coppia. Ritagliatevi del tempo per voi, magari grazie a un weekend fuori città, oppure con piccole astuzie, massaggi, nuovi completini intimi, giochi erotici per riaccendere la passione.