Sole, salsedine e vento sono tre fattori deleteri per i capelli in estate: se, infatti, colorito e umore ne risentono positivamente, i capelli, invece, lasciati allo stato selvaggio ne soffrono in maniera devastante. Si sfibrano, si opacizzano e si spezzano. Eppure, mantenerli morbidi e luminosi è relativamente facile, basta seguire piccoli accorgimenti e curarli con costanza.

Per prima cosa è importante proteggere i capelli dai raggi UV, magari con un bel cappello a falda larga, in modo da preservare il colore e umidità. L’idratazione poi è indispensabile: se i capelli soffrono della mancanza di idratazione possono spezzarsi e cadere. La soluzione: bere tanta acqua e spruzzare spesso i capelli con dell’acqua in un flacone spray.

Altrettanto fondamentale è lavarli in maniera corretta. Sarebbe buona norma acquistare prodotti senza parabeni, nocivi a lungo andare sia per i capelli che per l’ambiente. La scelta ottimale sarebbe un detergente naturale, che non sia troppo aggressivo con la struttura capillare e con la cute. Ogni tipologia richiede un prodotto particolare (per decidere quale sia quello adatto sarebbe bene chiedere consiglio al proprio parrucchiere di fiducia). In linea di massima, i capelli ricci o grossi soffrono dell’effetto crespo e per questo lo shampoo emolliente è quello migliore. Per i capelli lisci è meglio uno shampoo delicato, idoneo anche ai lavaggi quotidiani. Capelli colorati o trattati necessitano di uno shampoo con estratti o aminoacidi. I capelli secchi hanno bisogno di shampoo con collagene per ripristinare una certa umidità.

Per capelli estremamente secchi è bene fare un trattamento di olio di cocco, oliva o avocado, sotto la doccia dopo lo shampoo. Risciacquare molto bene e applicare l’olio dalle punte alle radici. Poi sciacquare come sempre. Si può anche scegliere di massaggiare le ciocche asciutte con un olio all’argan e risciacquare dopo qualche minuto. Non può mancare l’applicazione di un balsamo o una maschera, indispensabili perché aiutano a districare i nodi senza spezzare le fibre del cuoio capelluto.

Un uso eccessivo del phon a lungo andare può rovinare la chioma, tuttavia rimanere con la testa bagnata potrebbe causare problemi di salute andando avanti con gli anni. Una buona mediazione sarebbe asciugare molto bene la testa, all’altezza della cervicale, e lasciare poi le punte ad asciugare all’aria estiva.