La pelle in estate non è soltanto sottoposta al sole, da cui deve essere protetta con le adeguate protezioni, ma anche a un serie di agenti ossidanti, come l’ozono: per questo è importante resistere alla tentazione – bislacca a dire il vero – di interrompere l’abituale beauty routine, magari per colpa del caldo e del sudore.

Durante i mesi estivi, la pelle di solito è più idratata, ma non per questo non va trattata, anche se con prodotti più leggeri, più fluidi e talvolta anche solo con il siero, da applicare mattina e sera.

Anzi, malgrado sia più idratata, la pelle in estate produce più radicali liberi, che si accumulano nelle cellule.

Vediamo allora, nello specifico, come curare la pelle in estate.

  • Per regalare purezza ed equilibrio alla fine della giornata, è necessario detergere delicatamente l’epidermide, esattamente come si fa durante l’anno.
  • Una volta pulita a fondo, la pelle ha bisogno di una crema idratante. Le emulsioni alleggerite a base di liposomi o di cristalli liquidi contengono principi attivi che rispondono ai bisogni specifici di ciascun tipo di pelle.
  • prodotti da privilegiare sono quelli con acido ialuronico, vitamina E e C, principi aminoacidici per sintetizzare gli zuccheri che si trovano nelle cellule, floretina, acido ferulico, tutte sostanze dall’azione anti-ossidante importante che preservano dal fotodanneggiamento e dall’accumulo di radicali liberi intracellulari.
  • Se la pelle è normale o secca, meglio una crema, fluida o gelificata, mentre con la pelle mista meglio il siero perché è molto idratante e concentrato e ha una texture che dà la sensazione che si asciughi subito, quindi riesce a dare un’idratazione e una compensazione alla pelle senza appesantire.
  • La sera è bene applicare un siero antiossidante se la pelle è grassa, siero e crema fluida o gelificata se normale o secca.
  • Al mattino, al mare il filtro solare va applicato dopo tre ore, senza dimenticare un compatto solare 50+ da stendere durante la giornata per i ritocchi, sulle zone più delicate o sulle macchie.
  • Maschere in crema, gel o polvere vanno utilizzate almeno una volta alla settimana, in modo da rispondere efficacemente alle diverse esigenze.
  • A partire dai 30 anni, è consigliabile fare attenzione alle prime rughe del contorno occhi. Soprattutto perché in quella zona la pelle è 5 volte più sottile che nel resto del viso.