È arrivato il momento di pensare a come fare il cambio di stagione negli armadi per l’autunno: abbiamo tentennato a lungo rimandando il giorno in cui riporre top e short in favore di camicie, spolverini, cardigan e pantaloni in velluto, ma ora non se ne può più fare a meno. Non basta più, infatti, mettere un giacchetto la sera sopra una mise estiva per ripararsi dal freddo e bisogna fare i conti con le temperature che sono calate e continueranno a farlo.

La verità è che si tende a rimandare perché il cambio di stagione, oltre a occupare diverse ore in una giornata, spaventa, appare un compito un po’ complicato e ci mette di fronte a dubbi e scelte che non vorremmo prendere, come quella di liberarci di quei jeans storici che continuiamo a non buttare via nonostante non possiamo più indossarli da anni, perché troppo stretti, troppo larghi, troppo usurati.

Esistono tuttavia alcuni semplici consigli per capire come fare il cambio di stagione negli armadi per l’autunno al meglio e senza farsi prendere dal panico: ecco quali.

  • Ritagliarsi il tempo necessario. Per il cambio di stagione occorre almeno qualche ora: prima di iniziare assicuratevi di non avere impegni, di avere il tempo necessario e di non venire interrotti. Se avete dei bambini piccoli fatevi aiutare da qualcuno che pensi a loro mentre voi potrete occuparvi esclusivamente della vostra “missione”.
  • Preparare l’occorrente. Prima di iniziare, preparate tutto l’occorrente: valige, borse, scatole, buste devono essere a portata di mano, così da non perdere tempo prezioso durante le operazioni.
  • Riporre i capi estivi. Ci sono alcuni capi che possono continuare a restare nell’armadio con il passaggio dall’estate all’autunno, come jeans, t-shirt, cardigan, ma la maggior parte dei vestiti prettamente estivi, come abitini leggeri, costumi da bagno, top, dovranno lasciare il passo a maglioni e giacche, a tailleur e cappotti. Riponete i capi estivi in scatole e valige, avendo cura di disfarvi di quelli ormai rovinati, che non arriveranno alla prossima estate.
  • Pulire l’armadio. Prima di riempire di nuovo l’armadio e i cassetti con i capi autunnali pulite bene e lasciate che prodotti e spray siano ben asciutti.
  • Sostituire deodoranti e anti-tarme. Se utilizzate deodoranti per cassetti e armadi o anti-tarme sostituiteli in base alle indicazioni sulle confezioni, oppure optate per nuovi sacchetti di lavanda o potpourri naturali.
  • Decluttering. Prima di rimettere dentro l’armadio i vestiti occupatevi di un po’ di decluttering. Di che si tratta? Di liberarsi di quello che obbiettivamente per un motivo o l’altro non metterete più. Potete buttarlo, donarlo ai poveri, dedicarlo allo scambio durante gli swap party. In ogni caso sarà importante rendersi veramente conto di quello che potete tenere e indossare e di quello che occupa inutilmente spazio.
  • Organizzare. Ci sono diversi modi per riporre i vestiti nell’armadio, dividendoli per lunghezza, per colore, per pesantezza, per tipo di look, ognuno deve trovare quello che gli è più congeniale. Di certo un sistema molto logico e pratico vuole che siano posizionati a portata di mano i capi che si indossano più spesso, e magari in alto, nelle scatole, i maglioni e i pezzi più pesanti che si metteranno solo quando e se le temperature saranno davvero rigide.
  • Shopping. Infine, non perdete l’occasione, con un occhio a quello che avete già, a quello che manca nel guardaroba e alle tendenze, di fare un po’ di shopping comprando un paio di capi di tendenza, tra nuovi modelli e colori In, per rendere i propri outfit sempre attuali.