Lo smokey eyes verde è una buona alternativa al solito smokey eyes nero, perfetta per sfruttare alcuni dei colori di ombretti di tendenza, soprattutto se si hanno gli occhi castani o nocciola. Le donne comuni lo adorano, le star lo sfoggiano sui red carpet, gli stilisti lo reinterpretano a ogni passerella.

Lo smokey eyes, evoluzione del trucco degli anni Venti che prevedeva occhi languidi e pieni di drammaticità, ha però regole ferree, che resistono alle variazioni sul tema e, se rispettate, garantiscono uno sguardo capace di irretire chiunque.

La prima cosa da tener presente per la realizzazione di un perfetto smokey eyes è che la tecnica non prevede né linee decise, né grafismi, anche se spesso viene abbinato anche a eyeliner e tratti marcati. Come suggerisce il nome, si tratta di un effetto sfumato e impalpabile. Chi guarda deve perdersi nell’occhio e sognare, non imbattersi in uno sguardo pesto.

Scopriamo, passo passo, come fare lo smokey eyes verde, ideale anche per il make up d’estate.

  • Si inizia stendendo una primer su tutta la palpebra, per far sì che il make up rimanga al suo posto per diverse ore, evitando sgradevoli sbavature.
  • Con un pennello piatto si applica l’ombretto verde scuro sulla palpebra mobile e si sfuma con un pennellino.
  • Chi preferisce un ombretto shimmer, in crema, può prelevare con il polpastrello un po’ di prodotto e tamponalo sulla palpebra mobile inferiore e superiore, stando attenta a non colorare anche la zona sottocigliare, che dovrà rimanere luminosa.
  • Nella parte superiore, all’altezza della piega dell’occhio, va steso l’ombretto verde chiaro, da sfumare verso l’alto.
  • Niente passaggi netti: la sfumatura deve essere percepibile, ma i coloro fondersi gli uni con gli altri e dar vita a un effetto pittorico.
  • Sull’angolo interno dell’occhio, si applica invece un ombretto dorato o color caramello, a seconda delle preferenze, e si sfuma sopra e sotto.
  • Nella rima interna dell’occhio si applica la matita verde, resistente all’acqua. Per intensificare maggiormente lo sguardo, si scurisce la rima interna dell’occhio con una matita nera resistente all’acqua.
  • L’eyeliner va tracciato sulla palpebra superiore e il mascara, sia sulle ciglia superiori sia su quelle inferiori.
  • Chi ha gli occhi grandi o sporgenti deve evitare gli ombretti perlescenti, mentre chi ha occhi piccoli e infossati i colori deve bandire colori troppo scuri.
  • Per far sì che il tratto nero del kajal duri fino a sera, si deve tamponare il prodotto grasso con un ombretto in polvere.
  • È importante che le ciglia siano enfatizzate al massimo con un mascara ad effetto teatrale, così da contornare il trucco alla perfezione.