Chi ha già avuto a che fare con un cambio di abitazione sa che capire come fare un trasloco senza stress è fondamentale: esistono infatti dei piccoli trucchi non solo per affrontarlo al meglio, ma anche per evitare quei contrattempi che a volte fanno perdere molto tempo e innervosire.

Il trasloco, del resto, è considerato secondo recenti statistiche come la terza fonte di stress in assoluto dopo un lutto familiare o una separazione. Alla destabilizzazione del cambiamento, infatti, si aggiungono la fatica fisica e il fatto che spesso il trasloco può essere forzato, non voluto, anche dovuto a cambio di lavoro o a divorzio.

Il consiglio degli esperti, che siano trasportatori o psicologi, è quello di evitare di fare tutto in fretta e di organizzarsi al meglio. Vediamo, allora, 7 trucchi semplici e sorprendenti per occuparsi dei famigerati “scatoloni” e per fare un trasloco senza stress.

  1. Affittare scatole di plastica. Nonostante ci sia l’abitudine di “rimediare” qui e là degli scatoloni per il trasloco, chi sceglie questa soluzione si rende ben presto conto che non è l’ideale. Gli scatoloni non espressamente per i traslochi infatti non si chiudono bene, non sono robusti né tanto meno impilabili. Si possono, in alternativa, acquistare scatoloni di cartone per traslochi, ma la soluzione migliore e più ecologica è quella di affittare scatole di plastica dalle aziende per traslochi. Sono robuste, impilabili, adatte a tutte le esigenze e – una volta finito il trasloco – si possono restituire immediatamente.
  2. Utilizzare sacchi sottovuoto. Per tutti i tessuti, dagli abiti alle coperte, dalle lenzuola alle tende passando per piumoni, tovaglie e asciugamani, la soluzione migliore è quella che prevede l’utilizzo dei sacchi sottovuoto: ne esistono di diversi tipi, adatti ad ogni aspirapolvere che sottraendo l’aria dal sacchetto ridurrà notevolmente il volume rendendo tutto facilmente trasportabile in poco spazio.
  3. Etichettare gli scatoloni. Un’etichettatura meticolosa degli scatoloni è fondamentale per ritrovare subito quello che si cerca una volta arrivati nella nuova casa. Scrivere “Cucina” su uno scatolone, infatti, non aiuterà a sapere se dentro ci siano pentole o bicchieri, padelle o scolapasta. Ci sono due soluzioni: scrivere una lista precisa del contenuto, così da non doverla aprire per conoscerla, e attaccarla sullo scatolone, o utilizzare una delle nuove app per traslochi. Grazie a queste app è possibile infatti fotografare il contenuto dello scatolone e archiviarlo in modo da sapere poi dove andare a cercare ciò che ci occorre.
  4. Utilizzare uno stuzzicadenti per segnare l’inizio del nastro adesivo. Quando si chiudono gli scatoloni, il nastro adesivo da alleato si trasforma in fonte di stress, vista la difficoltà di ritrovare sempre l’inizio dello scotch. Per segnarlo utilizzate uno stuzzicadenti, ripiegandoci sopra l’ultima striscetta di nastro, e lo troverete in un attimo.
  5. Inserire i piccoli oggetti in buste di plastica trasparenti. Caricabatterie del cellulare, documenti, medicine, sono tanti i piccoli ma importantissimi oggetti che rischiano di perdersi nel mare delle cose da trasportare. Inserirli in piccole buste di plastica trasparenti – tipo quelle per congelare gli alimenti – con una piccola etichetta aiuterà a non perderli mai di vista.
  6. Organizzare kit di sopravvivenza mirati. Quando si trasloca, si rischia di non avere a portata di mano l’essenziale: meglio allora organizzare dei piccoli “kit di sopravvivenza” mirati: un kit con tutto l’occorrente personale come se si dovesse passare un weekend fuori (pigiama, spazzolino, un cambio e medicine); un kit per il bagno (sapone, asciugamano, carta igienica); un kit per la cucina (acqua, bicchieri, qualche snack, macchinetta del caffè, caffè, zucchero e cucchiaini); un kit con gli attrezzi per smontare e poi rimontare i mobili; un kit di pronto soccorso.
  7. Prevenire la fuoriuscita di liquidi dalle bottiglie. I liquidi sono una delle cose più complicate da trasportare: shampoo, sapone per piatti, detersivi, inevitabilmente qualcosa rischia di aprirsi e sporcare ovunque. Per prevenire la fuoriuscita inserite un quadrato di pellicola per alimenti tra il tappo e il flacone. Questo trucco è utile anche quando si viaggia o si trasportano liquidi in aereo.